Fabio Capello: “Inutile giocare il campionato con l’arrivo di Higuain alla Juventus”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

fabio_capello6_1204869i
Con l’approdo di Higuain alla Juventus, diversi personaggi del mondo del calcio hanno voluto esprimere la loro opinione. Fra questi anche due vecchie conoscenze bianconere, ossia Fabio Capello e Josè Altafini.

L’ex giocatore e allenatore della Juventus, Fabio Capello, sottolinea, ancora una volta, la superiorità della “Vecchia Signora” nel muoversi in anticipo sul mercato, dando per scontato chi vincerà il prossimo Scudetto: “Se hanno deciso di prendere Higuain, hanno pensato bene che avevano bisogno di un giocatore così. E visto che alla Juve sono molto attenti al valore dei calciatori e a quello degli scambi, sanno che in mezzo potevano supplire a Pogba, non come potenza, ma come qualità sì. Si può anche non giocare il campionato? Era già inutile farlo prima, senza Higuain. La verità è che la Juve è partita in anticipo e continua a macinare secondi di vantaggio sulla concorrenza. Qualcuno dice che Higuain è come Batistuta? Ma no, assolutamente. Erano tempi e competizioni diversi: alla Roma ci mancava un bomber per poter vincere il campionato, qui si parla di vincere la Champions“.

Un altro ex juventino, Josè Altafini, ha confrontato quello che fu il suo passaggio dal Napoli ai bianconeri con quello di Higuain: “Sono contento perché Higuain mi sostituirà presto: ora sarà lui core ‘ngrato, non io. Quando andai via da Napoli nessuno mi aveva chiesto di restare: non mi hanno trattenuto. Mi volevano cinque squadre e io scelsi la Juventus, che giocava la Coppa dei Campioni. E hanno cominciato a chiamarmi ‘core ‘ngrato’ quando segnai un gol contro il Napoli. Per Higuain è diverso: è stato lasciato libero di decidere, e lui ha scelto di andare alla Juve. Chi fa l’affare? Il Napoli incassa 94 milioni, può comprare due giocatori di livello. La Juventus prende un attaccante fortissimo senza spendere, vista la probabile cessione di Pogba“.

Entrambi, quindi, elogiano l’operato di Beppe Marotta, che è riuscito a portare a Torino un giocatore come “El Pipita”. Da sottolineare, poi, che la Juventus non solo rafforza il proprio organico ma, così facendo, è riuscita ad indebolire le due principali antagoniste per la corsa al tricolore. Se qualche settimana fa Pjanic è stato strappato alla Roma, con l’arrivo di Higuain l’attacco del Napoli perde il suo miglior elemento.

  •   
  •  
  •  
  •