Higuain contro De Laurentiis: “Non avevo più rapporti con lui”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Higuain


Higuain contro De Laurentiis. Durante la conferenza stampa del centravanti argentino, la prima, quella di presentazione al popolo bianconero del nuovo numero nove, Gonzalo lancia subito un messaggio ai tifosi napoletani che, nelle ultime giornate, si sono scagliati a giorni alterni ora contro il Pipita ora contro il presidentissimo del Napoli: “Sono stato in silenzio tutto questo tempo ma sono stati tre anni meravigliosi e li ringrazio per tutto l’amore che mi hanno dato. Questa è una scelta che ho fatto per motivi miei e ora penso alla Juve. Capisco che siano arrabbiati, ho letto insulti per la mia decisione ma è una scelta che ho dovuto fare”. Più avanti, il capocannoniere della passata stagione in Italia spiega i motivi della sua scelta: “Ho scelto la Juve perché è una grandissima squadra, ha una mentalità vincente e un progetto incredibile. Per questo sono venuto qui. Ringrazio Marotta e Paratici per avermi comprato. Speriamo di fare una grande stagione. Non ci sono parole per la Juve, tutto il mondo la conosce ed è importante dire che è abituata a vincere per questo sono venuto qui. La mentalità e il progetto mi hanno spinto ha fare questa scelta. Nella vita è necessario fare delle scelte, e io ne ho fatta una che non è stata facile. L’ho detto: mi ha spinto la mentalità della Juve a scegliere i colori bianconeri”. Gonzalo, in silenzio per giorni, ne ha anche per il suo ex tecnico, Maurizio Sarri: “E’ stata una mia scelta quella di stare tranquillo e in silenzio e di sfruttare le vacanze con parenti e amici. Ho solo buone parole per Sarri, mi ha fatto crescere, è un grandissimo allenatore e gli chiedo scusa per non averlo chiamato”.

Poi parla di lui, del presidente Aurelio: “A De Laurentiis voglio dire solo che il suo modo di pensare non era il mio. La mia scelta è stata fatta perché lui mi ha spinto a farla. Ringrazio la Juve. Ringrazio i compagni e i tifosi del Napoli ma De Laurentiis no. Il problema era che non avevamo più un rapporto. Il problema è che non volevo stare più con lui”. Ad un amore finito ce ne è uno che comincia, a cominciare da Mandzukic e Dybala, suoi nuovi compagni di reparto: “Con Mandzukic nessun problema, si vince con il collettivo e non con i singoli. Ho parlato con Dybala, ho giocato con lui in nazionale argentina, siamo amici e mi ha anche inviato un video di saluti. E’ un grande giocatore e spero di fare grandi cose insieme a lui. Anche Bonucci è un grandissimo calciatore. Sono felice di stare qui e la mia intenzione è di fare una grande stagione”. Ora Gonzalo lo sa, bisogna passare ai fatti: “Essere il giocatore più pagato della Serie A per me è un’allegria immensa, non mi rendo ancora conto di ciò che è successo, adesso mi tocca dimostrare perché mi hanno pagato cosi tanto”. Un ultimo intervento al suo giocatore preferito bianconero: “Il mio giocatore preferito era Alessandro Del Piero e io guardavo la Juve anche per lui”.

  •   
  •  
  •  
  •