Higuain: il giocatore va alla Juve, l’uomo nella plastica o nell’umido

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Higuain: il giocatore va alla Juve, l’uomo nella plastica o nell’umido

Gonzalo Higuain: “Vado via per De Laurentiis” in prima pagina sul Mattino di Napoli, i commenti dei tifosi

“Non potevo stare con lui un minuto di più, è stato il presidente a spingermi verso questa scelta”. Sono queste le parole di Gonzalo Higuain alla sua prima conferenza stampa in maglia juventina. Sono espressioni forti, destinate a ad alimentare ulteriormente le polemiche sul recente passaggio del Pipita alla Juventus per l’iperbolica cifra di 90 milioni di euro, il trasferimento più costoso mai registrato in serie A. Poco più in basso in prima pagina c’è una vignetta satirica che ironizza sulla raccolta differenziata, sostenendo che bisogna separare l’uomo dal giocatore. Il giocatore va alla Juve, l’uomo nella plastica o nell’umido, si legge nel fumetto, una chiara ironia sulla scelta di Gonzalo Higuain fatta per denaro e considerata dai tifosi partenopei un affronto. Andare proprio alla Juventus non è andato giù al popolo napoletano, lo ha considerato un tradimento da parte del proprio idolo, che tra l’altro aveva più volte ripetuto di sentirsi napoletano, ma per denaro è passato tra le fila dei nemici di sempre.

Leggi anche:  Roma, Dzeko ancora positivo: potrebbe saltare anche il Napoli

De Laurentiis si abbassa al potere dei soldi però lo sport è anche questione di cuore

Sulla versione online del Mattino si possono ascoltare alcune interviste fatte ai tifosi, che sono dispiaciuti, ma convinti che si possa fare bene anche senza il Pipita. “I calciatori sono mercenari, questo è il loro mestiere”, dice giustamente qualcuno. Un altro ha parole dure nei confronti del presidente De Laurentiis, sostenendo abbia esagerato. “Penso che il presidente in questo caso abbia esagerato per le cose che ha detto nei giorni scorsi durante la conferenza stampa, sostenendo che lui non lo avrebbe mai dato alla Juve mentre invece è quello che si sta verificando. Anche lui si abbassa al potere dei soldi, quindi io penso che si, bisogna fare imprenditoria, però lo sport è anche una questione di cuore e quindi bisogna anche fare delle scelte per rispettare il popolo napoletano”. Un tifoso contesta il fatto che il Pipita sia andato proprio alla Juventus, che domina il campionato di calcio grazie al denaro e riesce a comprare i giocatori migliori. “Questi vogliono mangiare sempre, sempre, sempre”, Higuain sarebbe potuto andare a giocare in qualsiasi altra squadra che nessuno avrebbe detto niente. Se è vero che dopo tre anni il Pipita ha affermato di sentirsi napoletano, qualcuno si domanda se adesso non ci si senta più, grazie al potere del denaro.

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

Ha fatto bene, morto un Papa se ne fa un altro”, sostiene giustamente un tifoso e gli fa eco un altro: “Siamo sopravvissuti a Cavani, sopravviveremo anche a Higuain; era normale, il Napoli non mantiene i calciatori ad un certo livello di ingaggio e di cartellino, al pensiero di De Laurentiis ci dobbiamo adeguare“. Tra chi si rassegna c’è anche chi polemizza e si rivolge direttamente al Pipita, dicendogli che nessun popolo gli vorrà bene come quello napoletano: “Siamo profondamente rammaricati per questa partenza di Gonzalo e speriamo solo che a Torino non riesca a fare quello che ha fatto Napoli”. Un tifoso è fiducioso nel futuro e fa il nome di Ciro Immobile, come probabile sostituto del Pipita: “È diventato un bel tormentone, finalmente possiamo guardare al futuro con la speranza di trovare ancora un goleador che possa sostituirlo degnamente, penso a Ciro Immobile”.

  •   
  •  
  •  
  •