Pinzolo, Perotti su Messi: “Hanno ammazzato il miglior giocatore argentino”

Pubblicato il autore: Erika Lolli Segui

Dopo una mattinata di allenamenti che prevede nella giornata odierna una doppia seduta, a Pinzolo è tornato a splendere il sole. Totti ha svolto allenamento differenziato mentre la squadra è scesa in campo per un allenamento e partitella .
Al termine degli allenamenti mattutini, il  giocatore Perotti è intervenuto ijn conferenza stampa.
Queste le sue dichiarazioni:
“Non sento il peso della responsabilità di essere diventato importante per i tifosi, sono contento di
lottare per lo scudetto, siamo una squadra che può farlo. Ho tantissima fiducia nei miei compagni e credo cge poss20160714_125111 (1)iamo lottare fino alla fine. quando mi hanno chiesto chi era il giocatore che poteva diventare più importante io dissi Strootman, si è allenato tantissimo, non ha fatto vacanze ed è un giocatore fondamentale. Mi piace come ci alleniamo, sia fisicamente che con lo staff in palestra. Stiamo facendo un bel ritiro, credo che arriveremo molto bene nell’aspetto tattico e fisico”.
Come ti senti nei confronti del ruolo che ricopriva Pjanic?
L’unica cosa che voglio è lavorare aiutare e se il mister pensa che posso fare il ruolo di Miralem sono pronto, però non è il mio ruolo.
Lo stadio della Roma non è più uno stadio caldo come quelli a cui sei abituato, visto le problematiche della curva. Ti senti di scendere in campo per questa causa?
Mi piacerebbe vedere l’Oliimpico pieno, io ho giocato sempre con stadi pieni, sentire i nostri tifosi che cantano e ti danno quello che ti manca è importante.
Cosa ne pensi dell’abbandono di Messi?
Hanno parlato tante volte male di lui sensa senzo, e hanno ammazzato il miglior giocatore che abbiamo in Argentina. Spero che torni e secondo me tornerà, cambiando idea dopo le vacanze.
Tra i ragazzi emergenti il mio preferito è Eros De Santis.
Riguardo alle parole di Pjanic sulla Juve?
Non voglio entrare nella polemica. Non averlo più è una perdita importante per noi , ma dobbiamo continuare perchè il calcio è così. Nessuno è indispensabile.
Pensi di poter fare il salto di qualità con Spalletti?
Devo fare più goal, devo trovare di più la porta, ma mi sento bene e mi piace lo stile di allenamento che abbiamo.

Leggi anche:  LIVE Napoli-Roma 4-0: dominio azzurro al San Paolo
  •   
  •  
  •  
  •