Serie A 2016/17, il Bologna continua la preparazione a Kitzbuhel

Pubblicato il autore: andrea nervuti Segui

we are oneDa Castelrotto a Kitzbuhel il passo è breve. Il Bologna prosegue la sua preparazione estiva fra i boschi dell’Austria e per 53 minuti(poi stop a causa di  un temporale montano senza precedenti) doma il soffice  Al-Ain, una sorta di Juventus araba.

Al 18esimo la sblocca il vecchietto di turno, quel Ciccio Brienza inventato “falso nueve” a causa delle prolungate assenze di centravanti di ruolo( Destro tornerà a metà settembre, Floccari  invece ne avrà per atre 3 settimane). Il trequartista  canturino(classe 79, eh!) approfitta dell’appoggio del nuovo acquisti Krejci per accomodarsi il pallone sul suo vellutato mancino, prima di battere a colpo sicuro il portiere Busenda. Il raddoppio lo sigla il cosiddetto “capitan futuro rossoblu” in arte Adam Masina (sempre su assist del neo acquisto ceco), quando le lancette segnavano il 34esimo. Poi il diluvio, i tuoni ed  i fulmini. Una tempesta che costringe il signor Hirschbichler a mandare tutti sotto la doccia con poco più di mezz’ora d’anticipo.

Triplice fischio. Auf widershen.

Le note positive in questi  miseri cinquanta minuti arrivano senza dubbio dal cileno Pulgar. Il neo campione del Sudamerica, mostra grande personalità ed ottime geometrie di gioco nel nuovo ruolo davanti alla difesa. Bene anche lo svedese Krafth, sempre più padrone della fascia laterale destra. Da sottolineare  infine, la buona prova del pacchetto arretrato(certo, contro un rivale molto morbido) ben guidato dall’esperienza di capitan Gastaldello.

Da rivedere Nagy. Il talento magiaro è parso spaesato e troppo leggero. La classe non gli manca, ma c’è bisogno di ben altro per imposi in serie A.  Altalenante anche la prova di Verdi: uno con le sue capacità dovrebbe esser al centro dell’azione, ma l’ex milanista spesso si defila senza riuscire ad incidere come vorrebbe. Per ora va bene così, ma da martedì si comincia a fare sul serio. Tra due giorni i rossoblu alzeranno l’asticella della difficoltà, quando allo stadio di Saalfelden affronteranno il Colonia di Peter Stoger. La squadra della Reno- Westfalia, giunta nona l’anno scorso in Bundesliga, sarà sicuramente un banco di prova importante per la truppa di Donadoni. Il primo vero termometro per capire lo status della rosa, prima di chiudere la preseason austriaca contro il pluri decorato Schalke 04 giovedì 4 agosto (ore 18,30 diretta SKY).

Mercato. In attesa di vendere Diawara (Napoli favorito sulla Roma, ma prima vorrebbe cedere Valdifiori) i rossoblu dovranno comunque sistemare il “discorso attaccante”. Saputo non intende spendere altri dollari ( visti i 50 investiti nell’ultimo biennio) e per acquistare serve prima incassare. Il nome più caldo continua ad esser quello del nigeriano Sadiq. Entrerebbe in punta di piedi, con la voglia di ritagliarsi uno spazio alle spalle di Destro ma sarà impegnato alle olimpiadi di Rio con la sua under 21 ed il Bologna non può permettersi di cominciare il campionato senza un centravanti titolare. Al momento circolano svariati nomi ( da Rossi a Balotelli passando per Pinilla) ma siamo ancora lontani dall’affondo finale. Per rimpolpare la mediana – visto il complicarsi dell’affare Dzemaili- si pensa all’ex palermitano Barreto in uscita dalla Samp, mentre la difesa dovrebbe restare praticamente invariata salvo uscite inaspettate.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: