Inter, Joao Mario e Gabigol fuori dalla lista Europa League. A rischio anche Kondogbia

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

calciomercato inter

Tempi duri per l’ Inter, dopo l’entusiasmo di ieri seguito agli arrivi di Joao Mario e Gabriel Barbosa. Infatti la società nerazzurra, per far fronte agli obblighi legati alle ferree regole del Fair Play Finanziario, potrebbe fare a meno proprio degli ultimi due nuovi arrivi per la prossima Europa League.  La scelta dovrà essere fatta nei prossimi giorni quando l’ Inter dovrà presentare la lista di giocatori da utilizzare nella competizione europea.

Tagliare qualche giocatore per rientrare nei parametri della Uefa

In base alle regole del Fair Play, infatti, per partecipare all’Europa League i nerazzurri dovranno avere un saldo positivo o pari a zero tra cessioni e acquisti.  Stando ai numeri attuali questo risultato non può essere raggiunto se non attraverso il taglio dalla lista Uefa dei nuovi arrivati Joao Mario, Gabigol ed addirittura anche Kondogbia. Secondo le imposizioni dell’Uefa ogni nuovo ingresso nella lista rispetto a quella presentata dall’Inter nella stagione 2014/2015  debba essere  compensato da un’uscita di pari valore. Per i prestiti con obbligo di riscatto c’è un accorgimento: le operazioni in entrata vanno trattate come se si trattasse di un affare a titolo definitivo, quelle in uscita solamente per il ricavato del prestito.

Questa la situazione attuale dell’Inter.

Rispetto alla lista Uefa 2014/2015 sono usciti Kovacic (29 milioni), Guarin (13), Hernanes (11), Kuzmanovic (2), Obi (2), Juan Jesus (2 prestito), Dodò (1 prestito) per un ammontare di 60 milioni. A questi se ne aggiungono una trentina incassati dalla cessione di alcuni giovani.  90 milioni di euro rappresenta, quindi,  il tetto massimo per i costo dei cartellini dei nuovi giocatori che l’Inter potrà inserire nella lista di quest’anno. L’Uefa considera “nuovi” giocatori anche quelli arrivati la scorsa stagione. Quindi  Kondogbia (31 milioni), Jovetic (17 tra prestito e riscatto), Perisic (16), Miranda (4+11), Murillo (8), Brozovic (8), Felipe Melo (4), Eder (2+11), Ansaldi (7), Candreva (22), Joao Mario (45) e Gabigol (27,5). In totale 215 milioni, con un saldo tra cessioni e acquisti fortemente negativo (intorno ai 125 milioni).

Quali soluzioni per l’Inter?

Allo stato attuale l’Inter deve recuperare 125 milioni per riuscire a ritoccare la lista Europa League di questa stagione. Per ridurre questo scarto appare, quindi inevitabile, il taglio di alcuni giocatori, ovviamente quelli costati maggiormente. Il primo ad essere tagliato quindi potrebbe essere proprio il portoghese Joao Mario, il più caro tra gli ultimi acquisti dell’Inter. Stessa sorte potrebbe toccare a Gabigol, la cui presenza in Europa League comunque potrebbe avvenire soltanto a partire dal mese di gennaio. Un’altra soluzione per l’Inter potrebbe essere quella di cedere alcuni dei giocatori considerati ” nuovi” dalla Uefa. I nomi più ricorrenti sono quelli di Brozovic e Jovetic. Il primo potrebbe consentire un ‘entrata di circa trenta milioni di euro  mentre per il secondo la situazione è più complessa perche l’Inter ha l’obbligo di versare 14 milioni di euro al Manchester City a fine stagione e quindi difficilmente riuscirà a monetizzare la sua eventuale cessione. A rischiare grosso il taglio dalla lista Uefa quindi è anche il francese Kondogbia, costato all’Inter 31 milioni di euro.

 

  •   
  •  
  •  
  •