Inter, torna a parlare De Boer: ” Condizione fisica non ottimale ma fiducioso per il futuro”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

calciomercato milan de boerDopo due giorni di silenzio e riflessioni seguiti al k.o. contro il Chievo Verona è tornato a parlare il tecnico dell’Inter Frank De Boer. L’olandese è stato individuato come il responsabile dell’esordio negativo della squadra nerazzurra a causa di una serie di scelte tattiche apparse incomprensibili alla luce della rosa a disposizione del tecnico arrivato sulla panchina dell’Inter lo scorso 9 agosto al posto di Roberto Mancini. Nonostante le critiche e la sconfitta, però, De Boer ha difeso le proprie scelte e lo ha fatto nel corso di un’intervista al quotidiano olandese Algemeen Dagblad.

Le parole del tecnico dell’Inter

“Fisicamente non siamo ancora pronti per quello che abbiamo in mente – ha dichiarato Frank De Boer ai media olandesi – . Per questa ragione contro il Chievo Verona ho scelto un sistema già conosciuto, che ci potesse dare qualche certezza in più”. Esperimento, però, fallito senza attenuanti per De Boer che ha puntato il dito anche contro una preparazione fisica che non sembra soddisfare il tecnico olandese.  “I miei giocatori migliori non hanno giocato nemmeno un’amichevole durante la preparazione e adesso devono tornare in forma in fretta, con il campionato che intanto ha già avuto inizio. Non è certo una situazione normale. Non succede comunque solo a noi, ma a tutte le squadre che hanno in organico calciatori reduci dall’Europeo o dalla Coppa America”.
Nonostante l’avvio di campionato deludente Frank De Boer non si abbatte e guarda con fiducia al futuro, consapevole che l’Inter debba al più presto iniziare a far vedere qualcosa in più rispetto a quanto fatto domenica contro il Chievo Verona. Un obiettivo che l’ex tecnico dell’Ajax è sicuro di raggiungere in tempi rapidi anche perchè è totale la fiducia del gruppo nei suoi confronti. ” Cosa ho imparato dalla squadra in queste prime due settimane? Che i ragazzi credono in tutto e per tutto nel lavoro che facciamo. Prima erano tante individualità, adesso pian piano inizieranno a giocare da squadra. Perisic out a Verona? E’ un giocatore eccezionale, ma fisicamente non è ancora al meglio. In un’ottica più conservativa, ho deciso di non puntare su di lui per questa partita”.

  •   
  •  
  •  
  •