Mancini ancora nervi tesi con la società. E arriva il dirigente “controllore”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
manciniIl ritorno in Italia della squadra, dopo la tournèe americana che ha messo in mostra più ombre che luci, non ha portato ad uno stemperamento dei toni nel difficile rapporto tra Roberto Mancini e la società nerazzurra.  Il tecnico dell’Inter non sembra ancora contento delle rassicurazioni avute durante gli incontri in terra americana con Ausilio, Thohir ed i cinesi del Suning ed all’arrivo a Milano ha fatto trapelare tutta la sua delusione per il momento non certo esaltante che sta vivendo sulla panchina nerazzurra. Dichiarazioni che alimentano ulteriori dubbi sulla permanenza del tecnico di Jesi all’Inter

Le parole di Mancini al rientro della squadra dagli Stati Uniti

“Il mio futuro? Cosa bisogna dire? Meglio stare zitti. Ottimista? Bisogna esserlo. Si sono dette tante cose sbagliate. Ed è giusto essere ottimisti”.

Poche frasi quelle dette da Mancini che però rappresentano il segnale che il malcontento già manifestato durante la tournèe americana non sia del tutto passato. Tante le questioni in sospeso in questa estate nerazzurra che tengono sulle spine il tecnico dell’Inter e tutti i tifosi. Un mercato che non decolla, il rischio di perdere l’uomo ( volenti o meno) simbolo dell’Inter ed un divario con la Juventus che sembra incolmabile.  Questi i nodi principali di un’estate che all’Inter si aspettavano diversa dopo l’accordo con i cinesi del Suning. In entrata sono arrivati soltanto Ansaldi ed Erkin ed i tanti nomi accostati nel corso delle settimane all’Inter che sono andati via via allontanandosi. Ad oggi neppure uno dei pupilli di Mancini, indicato come rinforzo prioritario per l’Inter 2016/2017, e cioè Antonio Candreva non è ancora arrivato ed anche su questa trattativa i tifosi nerazzurri iniziano a dubitare sul buon esito dell’affare. Poi c’è la grana Icardi – Wanda Nara. L’attaccante argentino è finito nel mirino del Napoli che è pronto a ricoprire d’oro l’Inter pur di avere il giocatore ( c’è un’offerta del Napoli vicina ai 70 milioni di euro) ma l’Inter sembra essere intenzionato a non cedere nonostante le continue pressioni dell’agente – moglie di Icardi per un adeguamento del contratto. Anche questa vicenda sta suscitando un certo nervosismo in casa Inter che unita alle prestazioni non esaltanti della tournèe americana ha reso questi caldi giorni estivi ancora più incandescenti. La squadra nelle uscite americane non ha lasciato belle sensazioni agli addetti ai lavori e Mancini dovrà applicarsi con molta attenzione in queste due settimane per provare a riorganizzare un gruppo che sembra anche lui troppo distratto dalle vicende societarie e da questa continua incertezza relativamente al futuro del tecnico e dei giocatori chiave della squadra.
A rendere ancora più difficile la situazione e tesi i rapporti Roberto Mancini e l’ Inter vi sarebbe anche la decisione dei proprietari del club, Suning, di nominare un dirigente che avrà il compito di evitare  incomprensioni tra il tecnico Mancini ed il presidente Erick Thohir. In pratica, invece,  dovrebbe trattarsi di una figura che dovrà fare sentire la necessaria voce dei padroni del Suning nelle vicende che riguardano da vicino la squadra e la gestione di alcune situazioni scottanti.
  •   
  •  
  •  
  •