Carlo Osti: “Avendo una squadra giovane non ci poniamo obiettivi. Mercoledì la Sampdoria ha un importante match con il Bologna”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

osti-carlo-sala-stampa-sn24                                                           Il direttore sportivo della Sampdoria Carlo Osti 

Dopo quattro partite di Campionato la Sampdoria di Marco Giampaolo ha raccolto molti applausi, merito del gioco e della grinta che la squadra ha dimostrato sul campo. Probabilmente i sei punti fin qui ottenuti stanno un pò stretti, visto il modo in cui sono maturate le due sconfitte, prima con la Roma e più di recente con il Milan.
Il ds blucerchiato, Carlo Osti, fa così il punto della situazione ai microfoni di Primocanale, fiducioso del potenziale della squadra, ma allo stesso tempo consapevole che trattandosi di una squadra giovane non è possibile fissare alcun obiettivo.

Leggi anche:  Giudice Sportivo Serie A: un turno a Perin e Bakayoko

IL LAVORO SUI GIOVANI
Non ci poniamo degli obiettivi come è successo negli anni passati. Il fatto di aver cambiato molto, soprattutto giovani, ed aver preso un allenatore che è molto bravo a lavorare con i giovani, ci porta a pensare che non sia giusto porre degli obiettivi; viviamo alla giornata, di domenica in domenica, di partita in partita e vediamo dove arriverà questa Sampdoria. L’importante è che ci sia una crescita costante“.

MERCOLEDI’ UN MATCH IMPORTANTE CON IL BOLOGNA
Magari non ci aspettavamo sei punti in due partite perchè pensavamo potesse essere più difficile per questo gruppo amalgamarsi, poi ci sono state altre due partite in cui non abbiamo raccolto niente, giocando un ottimo calcio quindi sappiamo bene che il calcio dipende anche da tanti altri fattori. L’importante è che questa squadra sappia superare anche i momenti di difficoltà e sappia riprendersi. Abbiamo una gara secondo me importante a Bologna mercoledì, contro una squadra diciamo del nostro livello, quindi sarà importante vedere come la squadra ha reagito dopo due k.o. consecutivi sicuramente immeritati“.

  •   
  •  
  •  
  •