Cassano – Sampdoria, il matrimonio continua… da separati in casa

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

212727426-293fe1d7-6caa-42a9-bb03-9a7fd46e5edbAntonio Cassano e Massimo Ferrero. Giocatore e presidente dovranno “convivere” ancora per un anno

CASSANO RIMANE ALLA SAMPDORIA

Tanto ha fatto Antonio Cassano che alla fine è rimasto alla Sampdoria. Il barese, dopo aver rifiutato l’offerta anche del Palermo di Maurizo Zamparini, ha di fatto deciso di rimanere sotto la Lanterna fino alla scadenza naturale del proprio contratto, ossia fino al prossimo giugno. Non è stata l’unica possibilità scartata per lasciare i blucerchiati. Altri club hanno provato ad avvicinare l’ex numero 99, come l’Entella e lo Spezia, convinti di poter fare con lui quel salto di qualità per tentare la scalata verso la Serie A. Ma anche per loro la risposta è stata la medesima “No, grazie. Cassano voleva rimanere alla Sampdoria, Cassano è, così, rimasto alla Sampdoria. Per il giocatore si tratta di una scelta d’amore per la maglia, per alcuni tifosi ci sarebbe dietro la volontà della moglie di avere il marito non lontano da casa. Ovviamente non è dato sapere la verità. L’unica certezza è che il giocatore, pur fuori dalla famosa lista dei 25, continuerà ad allenarsi a Bogliasco senza, però, aver la possibilità di scendere in campo la domenica.

Leggi anche:  Dove vedere Genoa-PSG in diretta tv e in streaming, amichevole 24 luglio

LA REAZIONE DI FERRERO 
Di fronte all’ennesimo rifiuto di lasciare Genova, dopo aver invano tentato di offrire la rescissione del contratto a Fantantonio, come ha reagito il presidente Massimo Ferrero?
Queste le sue parole: “Antonio Cassano ha deciso di rimanere con noi e sono molto felice che abbia preso questa decisione. A giugno troverà un’altra squadra o smetterà. Cassano ha rifiutato tutto. Non solo il Palermo. Lo voleva il Pescara, l’Entella e lo Spezia. Cassano è un grande calciatore. Ha deciso di restare alla Samp e noi rispettiamo la sua decisione“. Parole che paiono molto di circostanza. La realtà suggerisce come l’avere “in casa” un giocatore non gradito sia una situazione a cui non si volesse arrivare.

  •   
  •  
  •  
  •