Contestazione Cagliari – Storari: ecco il retroscena!

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Marco Storari

La contestazione di alcuni sostenitori del Cagliari nei confronti del proprio portiere Marco Storari, pare non avere fine. Dopo la contestazione durante la gara Cagliari-Atalanta al Sant’Elia, nelle ultime ore spuntano dei retroscena sulla vicenda. Come tutti sanno, all’inizio si pensava che il motivo di questa contestazione fosse la fatidica frase “la mia Juve”, durante un’intervista rilasciata ad una radio laziale, ma se questa dichiarazione è stata smentita da una registrazione ecco il vero motivo della diatriba. La causa della protesta, secondo alcuni tifosi rossoblù, sarebbero i soldi, quelli che Marco Storari avrebbe chiesto in più al termine della stagione 2007/2008, per il ritocco dell’ingaggio a 10 mila euro, cifra che Massimo Cellino non accordò e si arrivò così alla sua non riconferma.
Diversa la versione del portiere che si dice amareggiato visto che la scelta della città isolana è stata fatta senza badare ai soldi. Ricordiamo che Marco avevano ancora un altro anno di contratto con la Juventus, si è tagliato lo stipendio e si è voluto rimettere in discussione tornando in una città che aveva portato nel cuore dalla precedente esperienza. Emerge anche che l’estremo difensore non avrebbe mai chiesto a suo tempo, un adeguamento di contratto, ma la sua mancata riconferma era dovuta solo al fatto di un mancato accordo con la società per effetto di precedenti sgarri di Cellino al Milan riguardanti altri affari di mercato.
Dalla Curva Nord si legge sul comunicato: “Non deve mai più scendere in campo da capitano”, ma la società tramite social si schiera apertamente a favore del giocatore esigendo rispetto per Storari. Già nella sfida di mercoledì contro la Juventus, Storari riprenderà il suo posto da titolare. La sfida sarà molto sentita, un passato che ritorna, un legame che gli ultras rossoblù non riescono ad accettare sebbene lo stesso abbia rivelato di essere tifoso della Roma fin da bambino.
  •   
  •  
  •  
  •