De Zerbi al debutto coi rosanero: “Voglio undici che si aiutino tra loro”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

palermo-napoli-2

De Zerbi al debutto coi rosanero non poteva pronosticare una “prima” più complicata di questa. Il nuovo tecnico del Palermo ha avuto, come sappiamo, pochi giorni per preparare la sfida contro il Napoli, per lui esordio assoluto nella massima serie alla guida del Palermo di Zamparini: “Vogliamo fare una buona partita giocando con ordine e umiltà, perché affrontiamo una squadra forte. Domani servirà anche un pizzico di coraggio, di quello intelligente. L’aspetto mentale conterà parecchio. Sulla carta siamo inferiori al Napoli, ma la squadra ha l’occhio giusto, l’aggressività corretta. Voglio undici giocatori che si aiutino tra loro. Penseremo al Napoli ma penseremo anche a noi, altrimenti significa partire battuti già in partenza”. De Zerbi al debutto coi rosanero andrà in tribuna allo stadio Barbera di Palermo visto che ha da scontare la squalifica rimediata nella finale di playoff di Lega Pro col suo Foggia. In panchina ci sarà il suo vice Possanzini. De Zerbi ha parole di stima per il collega Sarri: “Sarri è uno dei miei preferiti, porta le sue idee per fare qualcosa di diverso e lo stimo per questo. Tutte le gare in Serie A sono difficili, forse il Napoli adesso è la squadra più organizzata. Serve impegno mentale. Non credo che la gara in Champions League possa incidere molto sul loro gioco”. Un ultimo pensiero va agli ultimi due arrivi in casa Palermo: “Diamanti può giocare in qualsiasi posizione. Non deve buttare energie ma giocare con il cervello. Giocherà più vicino alla porta. Sallai è un giocatore di grandissimo talento. Deve imparare velocemente la lingua e a stare in campo ma ha grandi qualità”. De Zerbi al debutto coi rosanero si dimostra umile e concentrato, in testa ha solo la sfida con il Napoli al suo esordio in Serie A.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: