Infortunio Biglia, che pasticcio. E’ polemica tra l’argentino e i medici della Lazio

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
infortunio biglia

Lucas Biglia

Infortunio Biglia, che caos in casa Lazio, il centrocampista argentino dovrà stare fermo a lungo per il problema muscolare che ha accusato domenica contro l’Empoli. In caso di strappo al polpaccio il 2016 del capitano biancoceleste si può dire concluso con gli 8 minuti disputati all’Olimpico nell’ultimo turno di campionato. Non è vero che ha forzato i tempi, non è vero che voleva giocare a ogni costo, la verità è che Biglia aveva avuto l’ok dallo staff medico laziale per giocare contro l’Empoli. Sull’infortunio Biglia è proprio il capitano biancoceleste a dire la sua:” Se  i dottori mi dicono che è tutto ok io mi fido,stavolta starò fermo, mi riposerò e rientrerò soltanto quando sarò al 100%”. Biglia prima del match contro l’Empoli avvertiva ancora un po’ di dolore, ma i medici della Lazio lo avevano rassicurato sulle sue condizioni. Sull’infortunio Biglia è intervenuto anche l’agente del giocatore, Enzo Montepaone, che ha risposto su Twitter alle illazioni sulla presunta fragilità dell’ex Anderlecht. ” Fragile Biglia? 110 partite giocate negli ultimi tre anni, più il Mondiale 2014 e due Copa America, in quanti lo hanno fatto?”. Ancora Montepaone sull’infortunio Biglia:”Ci vuole rispetto per Lucas, ha giocato molto più di tanti altri giocatori della Lazio”.

Leggi anche:  Torino, "quarto d'ora granata" sostituisca "quarto d'ora da stupidi"

Infortunio Biglia, che guaio per la Lazio e per Simone Inzaghi

In  tutto questo vespaio di polemiche chi ci perde è Simone Inzaghi, che per il suo capitano e il faro di centrocampo della Lazio.  Biglia è una pedina fondamentale nello scacchiere biancoceleste, la sua assenza si era fatta sentire, eccome, contro il Milan. L’infortunio Biglia aveva spinto Inzaghi a cambiare anche modulo tattico, passando dal 4-3-3 al 3-5-2, schema usato contro Pescara e Milan. Contro l’Empoli, con il ritorno di Biglia, si era tornati al tridente d’attacco, con Keita e Anderson ai lati di Immobile. L’infortunio Biglia per la Lazio è una vera e propria tegola, nell’organico biancoceleste infatti non c’è un vero e proprio sostituto dell’argentino. Parolo e Cataldi possono giocare da volante davanti alla difesa, ma con caratteristiche molto diverse da quelle di Biglia, un vero guaio per Inzaghi, che ora dovrà fare di necessità virtù, già a partire dalla prossima trasferta di Udine contro gli uomini di Iachini.

  •   
  •  
  •  
  •