Inter: la delusione di Jovetic, dilemma Banega regista o trequartista?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Jovetic

Stevan Jovetic

E’ andato a segno con la sua Nazionale ma il nuovo campionato di Stevan Jovetic con la maglia dell’Inter è iniziato nel peggiore dei modi: tanta panchina e fuori dalla lista per l’Europa League. “L’esclusione dalla lista Uefa? Sono deluso, ma siamo in quattro, non sono da solo: speriamo che si passi il girone e che poi si possano aggiungere altri giocatori, per tentare di vincere l’Europa League”, ha ammesso il talentuoso montenegrino parlando del suo periodo all’Inter. In estate si è parlato di un addio ai nerazzurri. “Le voci di mercato? Non ero vicino al Milan, mentre con la Fiorentina ci sono stati dei contatti tra le società. Alla fine non mi hanno ceduto: io voglio rimanere all’Inter e giocare, perché so che posso giocare”, ha svelato Jovetic. Adesso la palla passa a De Boer. Il tecnico nerazzurro avrà il suo bel da fare anche per trovare la collocazione giusta anche per Ever Banega: regista, interno di centrocampo o trequartista? Quale il ruolo migliore per l’argentino nell’Inter? Nelle due apparizioni in campionato con l’Inter lo abbiamo visto inizialmente interno di destra contro il Chievo in un centrocampo a cinque (poi, in corso di partita, alzato alle spalle delle due punte) mentre contro il Palermo De Boer lo ha provato da regista basso, ruolo in cui ha denunciato chiare difficoltà. Difficoltà che, complice il deludente pareggio coi siciliani, hanno innescato l’immancabile dibattito sulla sua posizione in campo.

Leggi anche:  VIDEO | "In testa con i giovani": Atalanta-Verona 3-0 2000/2001

Non solo Jovetic, quale posizione in campo per Banega?

Dibattito tuttora aperto, cui lo stesso argentino ha voluto dare un contributo, intervenendo a TycSports: parole chiare, diciamo un “suggerimento” al tecnico interista in vista della ripresa del campionato. “Posso dire che mi sono sentito molto a mio agio nella posizione in campo in cui ho giocato in Coppa America, ho trovato la regolarità che non avevo avuto in anni passati” ha puntualizzato l’argentino. “Il ruolo di trequartista? Mi ci trovo benissimo, è la stessa posizione in cui ho giocato al Siviglia, ormai la conosco benissimo perché lì ho giocato tanti anni”. Insomma, un’autocandidatura in vista di Pescara-Inter: “E’ vero, ho cominciato da ‘5’ (play basso davanti alla difesa) nel Boca. Ma non ci gioco da tantissimo tempo. Ho provato da regista nell’Inter nell’ultima partita, devo però tornare ad abituarmici, ci vorrà un po’ di lavoro. Sono difficili entrambi i ruoli. In Nazionale, con i compagni che ho, ho maggiore libertà”. Il messaggio è chiaro. Ora la risposta a De Boer: subito, domenica, contro il Pescara.

Leggi anche:  Inter, Eriksen a un passo dall'addio? Una big italiana è pronta ad accoglierlo a un prezzo 'scontato'...
  •   
  •  
  •  
  •