Inter, Milito: “Icardi vale quanto Higuaìn”

Pubblicato il autore: Eugenio Usai Segui


L’Inter è ancora in festa. Ebbra di felicità per la vittoria contro i rivali bianconeri, la quale finalmente dà la dimensione giusta del valore della rosa di De Boer: una squadra che può dire la sua nella lotta scudetto e che ben presto può sfruttare pienamente il grosso potenziale di un team costruito per riappropriarsi un posto in Champions League. Ma oltre a godersi questi importantissimi tre punti, si coccola il suo giovane goleador Mauro Icardi, che ha come vittima preferita proprio la Juventus (7 gol in 8 incontri), facendo vedere al suo club che era giusto adeguargli il contratto e riacquistando la fiducia dei suoi tifosi. Conosciamo tutti le capacità di questo fortissimo centravanti, ma ad attestare il suo valore ci pensano le parole di un altro grande ex attaccante, che ha fatto la storia recente dell’Inter: Il Principe Milito.

L’incoronazione a Icardi dal Principe Milito

C’era un gruppetto veramente niente male ad assistere al derby d’Italia: Milito, Materazzi, Chivu, Stankovic e Samuel, in pratica gli ultimi giocatori vincenti della favolosa Inter del triplete. Chi lo sa, magari i leoni in campo che hanno sbaragliato la Juve avranno voluto far vedere proprio a loro che in futuro non saranno da meno e dimostrare le loro qualità. Ovviamente gli occhi di Milito sono stati particolarmente concentrati su Icardi, come è vero che tale sguardo è stato piacevolmente stuzzicato dall’ardore e concretezza del suo connazionale. Dopo, sulle pagine della Gazzetta dello Sport, si è espresso così sul ventitreenne: “Icardi ha fatto una partita straordinaria! Che fosse un killer sotto porta lo sapevano tutti, ma contro la Juve è stato un vero uomo squadra. Lo dimostrano le sportellate contro Bonucci e Chiellini, i falli presi per far salire la squadra, la lucidità con cui anche se sembrava avesse perso l’attimo ha creato il cross di esterno per Perisic“. Dato che Icardi sta scrivendo un emozionante storia per l’Inter a suon di gol, è lecita la domanda se per caso si possa considerarlo suo erede: “Icardi mio erede? Non mi piacciono questi confronti. Come me ha il compito di finalizzare il lavoro della squadra, ma lui è più animale da area di rigore, io amavo svariare di più. Se vuoi aprire un ciclo, non lo vendi un giocatore così giovane e forte!”.

“Icardi vale quanto Higuaìn e merita la nazionale”

E’ normale che si parli di un confronto tra Icardi e uno dei più forti bomber europei come el Pipita Higuaìn. E a tale domanda rivoltagli, Milito risponde sicuro: “Mauro vale quanto Higuaìn, solo che el Pipita ha maggior esperienza, avendo giocato a certi livelli con il Real. Per la lotta al titolo di miglior cannoniere vedo una lotta tra loro due”. Non si risparmia neanche quando si parla di una possibile futura convocazione nella nazionale argentina per Icardi, ben sapendo che il giovane dovrà lottare per ritagliarsi un posto in una selecciòn piena di bomber fortissimi, ma è certo che il bomber nerazzurro merita la nazionale, anche se il nuovo c.t Bauza ha detto che dovrà sgomitare parecchio per prendersi un posto, benché ne abbia parlato benissimo. A conti fatti parrebbe che il cammino dell’Inter verrà scandito dai gol di Icardi, che dovrà prendersi la responsabilità di portare avanti l’Inter per la conquista di un posto in Champions e, magari in futuro, di riportarla ai fasti del passato; un po’ come fece il leggendario Principe Milito.

  •   
  •  
  •  
  •