Juventus, Evra punta alto: “Vincere tutto, ma una partita alla volta”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui
VINOVO (ITALPRESS) - C'e' un continuo via-vai dall'infermeria della Juventus. Mentre Barzagli e Caceres continuano le loro cure, e Romulo e Marrone sono quasi a posto, ecco che a fermarsi per un buon mesetto ora c'e' Evra. Il giocatore, che si era fatto male la settimana scorsa, stamani e' stato sottoposto ad alcuni esami che hanno evidenziato una "lesione a carico del bicipite femorale della coscia sinistra", come si legge in una nota pubblicata dal club. Il giocatore ne avra' all'incirca per 30 giorni e costringera' Asamoah a fare gli straordinari. Allegri non ha molte alternative sulla corsia sinistra e, dunque, il ghanese potrebbe anche essere sempre impegnato da qui alla prossima sosta per le nazionali, ovvero fino al 9 novembre. In questo lasso di tempo, la Juve giochera' in campionato contro Genoa, Empoli e Parma, e in Champions League contro l'Olympiakos Pireo. Intanto, sempre oggi, la squadra ha iniziato l'avvicinamento alla sfida di mercoledi' sera quando la Juve andra' a far visita al Genoa. Stamani, alla presenza di Nedved e Paratici a bordo campo, i giocatori scesi in campo ieri contro il Palermo hanno seguito un programma di recupero, mentre il resto del gruppo si e' disimpegnato tra atletica e tecnica. Domani la Juventus svolgera' la rifinitura nel pomeriggio, anticipata alle 12 dalla conferenza del tecnico. Probabile formazione (3-5-2): Buffon; Ogbonna, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah; Tevez, Llorente.(ITALPRESS).27-Ott-14 18:06NNNN

Patrick Evra punta alto, ha sintetizzato cosi le linee guida per questa stagione della Juventus: “Noi vogliamo vincere il sesto scudetto, questo è l’obiettivo. Ma tutta la stagione non può che costruirsi una partita alla volta. Quest’anno spero proprio che non dovremo ripetere discorsi del genere, quelli fatti dopo la sconfitta contro il Sassuolo. Vorrebbe dire che abbiamo capito i nostri errori e stiamo migliorando ancora. Qui alla Juve siamo una famiglia, lottiamo uniti per lo stesso obiettivo, siamo umili, mettiamo il nostro orgoglio al servizio della squadra. Tutti vogliamo giocare, ma questa abbondanza di campioni è proprio il bello di essere in bianconero”. Non si nasconde l’esperto terzino juventino e della Nazionale francese, Evra punta alto e delinea i punti da raggiungere in questo lungo cammino: iniziare nel migliore dei modi la stagione, con un filotto di vittorie per amalgamare i nuovi con i vecchi del gruppo, cementificare i nuovi schemi, uniti nel bene e nel male e tanta ma tanta fame. Eppure, Evra punta alto e non si ferma di certo al solo scudetto: “La Champions League dobbiamo affrontarla partendo dalla gara con il Siviglia, poi dal cammino nel girone, dopodiché la Champions va veloce. Detto questo, io ci credevo il primo anno, quando arrivammo in finale, e ci credo oggi”. La squadra ha apportato, nell’ultima sessione di mercato, volti nuovi e nomi altisonanti: “Li abbiamo accolti tutti molto bene, Higuain mi ha ringraziato per il video, ma in generale i nuovi compagni hanno subito capito di essere all’interno di una famiglia. Devono lavorare bene, con serenità, ci siamo noi a dare loro una mano, perché alla Juve si lavora cosi”. Un ultimo intervento sulla prossima gara di campionato, che vede i campioni d’Italia di fronte il Sassuolo delle meraviglie: “Una squadra molto pericolosa, allenata benissimo con un grande tecnico e una ottima organizzazione di gioco. Ma noi, sebbene sappiamo che sarà un avversario difficile, dobbiamo portare a casa questi tre punti”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 10.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN