Marek Hamsik nella storia del Napoli, raggiunta quota 100

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

marek 100
Arrivò a Napoli alla tenera età di 19 anni, nella stagione del ritorno in A, nel 2007-2008, quando la società azzurra, entro tre stagioni dall’inferno della Lega Pro, passò di nuovo nella serie che gli compete, la serie A. Di Marek Hamsik, già si parlava molto bene, ed allora lo slovacco, giocava in Lombardia, nel Brescia, dove già dava numeri di alto livello, ma in serie B. Ieri, ha raggiunto quota 100 in maglia azzurra. Ed in 9 stagioni, è diventato il capitano e il vero idolo della tifoseria azzurra, dopo tanti addii che hanno turbato l’ambiente. Da Lavezzi, passando per Cavani e finendo con “il tradimento” di Gonzalo Higuain. E ieri, il suo sinistro, si è infilato nel sette, ed il San Paolo, è esploso in un lungo tributo. Il primo gol, lo fece nella stagione 2007-2008, alla Sampdoria, e ce ne sono altri, indimenticabili: quello al Milan, dove partì dalla sua metà campo, battendo Dida; quello alla Juventus, all’Olimpico di Torino, quando il Napoli perdeva 2-0, e nel secondo tempo, rimontò i 3 gol, e batté i bianconeri, per una vittoria storica. E sempre un altro alla Juventus, nella finale di Coppa Italia, nel 2012, quando chiuse le pratiche siglando il 2-0, portando a casa un trofeo dopo 22 anni. Ora, Hamsik, è al quinto posto di tutti i tempi nella classifica dei marcatori azzurri, ha ancora 29 anni è il capitano della Slovacchia , e chissà potrà anche ambire al primo posto, dove siede ancora il massimo giocatore della storia del Napoli, Diego Armando Maradona. 100 di questi giorni, Marek.

  •   
  •  
  •  
  •