Milan: Bacca più i giovani, ecco la formula magica di Montella

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Montella

Vincenzo Montella

Il Milan va, i rossoneri di Montella battono la Lazio e centrano la seconda vittoria consecutiva, evento che non accadeva dal mese di febbraio, arrivando a quota 9 punti in classifica. L’Aeroplanino sembra aver trovato la formula giusta, inserendo tanti giovani italiani, così come voleva il presidente Berlusconi. Contro la Lazio Calabria ha ben giocato sulla fascia destra al posto di Abate, il classe ’96, corteggiato dal Cagliari per tutta l’estate, si candida per un posto da titolare anche la trasferta di Firenze. Bene anche Locatelli, subentrato a partita in corso come contro la Sampdoria, ha dato ordine al centrocampo rossonero. Con l’inserimento del giovane regista Montolivo si è spostato sul centro destra, ruolo più congeniale alle sue caratteristiche rispetto a quello di volante davanti alla difesa. Nel match con la Lazio Montella ha potuto contare sul miglior Bonaventura della stagione, l’ex atalantino schierato a sorpresa per l’infortunio di Sosa dell’ultimo minuto. Jack ha giocato con grande voglia, sia da mezzala che da esterno d’attacco pungolato da Montella.
In attacco il solito, spietato, Carlos Bacca, 23 gol in serie A su 45 tiri in porta, un killer che spesso toglie dagli impicci Montella e i suoi. Il colombiano è stato supportato a corrente alternata da Suso e Niang, il francese croce e delizia del pubblico rossonero, corre, si sbatte, sciupa ma è prezioso come pochi. Domenica prossima ci sarò un ulteriore duro esame per il Milan dei giovani di Montella, la Fiorentina di Paulo Sousa dirà dove possono arrivare i rossoneri in questa stagione.

Dall’esorcista Mihajlovic al mago Montella, il Milan ha trovato la giusta guida?

Mihajlovic diceva lo scorso anno che se avesse fallito lui ci sarebbe voluto un esorcista a Milanello, forse il tecnico serbo si sbagliava. Montella sta lavorando con il buon senso, nella confusione di una cessione societaria, con un mercato che non ha aggiunto quasi nulla alla rosa del Milan, l’Aeroplanino sta cercando di valorizzare quello che ha per le mani. I giovani innanzitutto, la consacrazione di Romagnoli e Donnarumma, il lancio in prima squadra dei vari Calabria e Locatelli, in attesa di Zanellato, pupillo del tecnico rossonero. E’ ancora presto per dire se il Milan e Montella hanno svoltato, ma i cinesi possono già essere soddisfatti del lavoro dell’allenatore milanista. Dovesse continuare così, dopo il closing, Montella potrebbe anche avere dei rinforzi importanti a gennaio, i tifosi milanisti hanno trovato il loro punto di riferimento, l’Aeroplanino da Pomigliano d’Arco.

  •   
  •  
  •  
  •