Milan – La linea verde dà buoni frutti: Calabria tra i migliori ieri al Meazza

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

Calabria Foto da it.uefa.com

La seconda vittoria consecutiva di ieri sera in campionato al Meazza contro la Lazio costituisce per il Milan una iniezione di entusiasmo notevole. Intanto raggiungere, probabilmente solo per una giornata visto che le altre squadre giocheranno oggi, il secondo posto in classifica a pari punti con la Juventus stellare e ad appena un punto dal Napoli, sembrava impensabile dopo la seconda giornata di campionato conclusasi con la pesante sconfitta al San Paolo contro gli uomini di Sarri. Ma in aggiunta c’è da sottolineare la riacquistata fiducia della squadra nei propri mezzi. I rossoneri ieri non sono stati perfetti, anzi hanno commesso molti errori sia nell’impostazione del gioco sia nelle conclusioni a rete, ma hanno dato sempre l’impressione di credere nella vittoria, cosa che nel recente passato non era successo.
E’ merito di Vincenzino Montella l’essere riuscito, lavorando anche nella mente dei suoi giocatori, a far scendere in campo uomini convinti di essere in grado di contribuire ognuno per la sua parte al risultato della squadra. Da qui l’ottimo inizio di campionato di Carlos Bacca, di Niang, ma soprattutto di quei giocatori giovanissimi venuti alla ribalta in maglia rossonera.
L’entusiasmo dei giovani potrebbe essere l’arma in più di questo Milan partito senza i riflettori addosso, ma che rischia di diventare protagonista.

Milan – La linea verde

il più giovane di tutti è Gigio Donnarumma, diciotto anni da compiere. Il giovanissimo portiere del Milan ormai non è più una promessa ma una certezza, sul quale hanno messo gli occhi i più importanti club europei. La società rossonera sembra voglia blindarlo e costruire su di lui il Milan del futuro. D’altra parte un portiere che a 17 anni diventa titolare inamovibile di una delle squadre più importanti d’Europa, esordisce in nazionale e risulta sempre tra i migliori in campo, è un capitale incommensurabile da tenersi strettissimo.
Dietro di lui c’è il difensore 19enne Davide Calabria, autore ieri contro la Lazio di una prestazione impeccabile: attento nelle chiusure, insuperabile con il dribbling, pronto a far ripartire la squadra e capace anche di assist precisi come quello che ha fornito a Niang e che il francese non è riuscito a concretizzare con la porta spalancata.
Altro giovanissimo che sta cercando di mettersi in luce è il centrocampista Manuel Locatelli, 18 anni, subentrato ieri al posto di Suso al 23° minuto del secondo tempo, e nel quale Montella crede fermamente
E non bisogna dimenticare che Alessio Romagnoli ha 21 anni, Mattia De Sciglio 23, lo spagnolo Suso 22, Niang 21, il croato Pasalic 21, Gustavo Gomez 23.
La speranza che il Milan dei giovani possa solo continuare a crescere alimenta l’ottimismo dei tifosi rossoneri e dà maggior credito al lavoro di Vincenzino Montella.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: