Milan – Li Yonghong: “Il nostro obiettivo è riportare questa squadra leggendaria al livello dei migliori club del mondo”

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

Milan
Con l’avvenuto pagamento di 85 milioni di euro, la cordata cinese rappresentata da Li Yonghong ha realmente cominciato a costruire il futuro del Milan. Il versamento costituisce l’impegno definitivo della cordata, che, se dovesse da questo momento in poi rinunciare ad andare avanti e ritirarsi, perderebbe ben 100 milioni di euro (i 15 versati alla firma dell’accordo e gli 85 versati ieri).
Chiaramente questi soldi non saranno utilizzati per rafforzare il Milan, ma costituiscono la prima quota della somma totale che Fininvest incasserà per la vendita della società. Ma da questo momento in poi può cominciare la programmazione del nuovo Milan. Il closing, previsto per novembre, dovrebbe sancire definitivamente il nuovo corso, che vedrà un investimento globale in tre anni di 350 milioni di euro, questi sì utilizzabili per rafforzare la squadra.

Leggi anche:  Fiorentina, può arrivare il miglior ds in circolazione!

Il nuovo Milan – La Dirigenza

Innanzitutto nel nuovo Milan ci sono da decidere le posizioni dirigenziali. Sembrerebbe scontato l’abbandono di Adriano Galliani e di Barbara Berlusconi. Sarà compito del neo Amministratore Delegato e Direttore Generale Marco Fassone scegliere il nuovo Direttore Sportivo. I nomi in circolazione scaturiscono tutti da indiscrezioni che attendono conferme e sono riportati nei giornali oggi in edicola. Il primo nome è quello di Riccardo Bigon, attuale Direttore Sportivo del Bologna. Fassone ha avuto modo di apprezzare le qualità di Bigon quando tra il 2010 e il 2012 fu chiamato da Aurelio De Laurentiis al Napoli per ricoprire l’incarico di Direttore Generale della società. Bigon all’epoca era il Direttore Sportivo della squadra partenopea. Altro nome è quello di Piero Ausilio, che, con il contratto in scadenza a giugno con l’Inter, potrebbe essere allettato dalla nuova esperienza. Si parla pure di Walter Sabatini, anche lui con contratto con la Roma che scade a giugno, e di Daniele Pradè, in atto non impegnato dopo l’ultimo incarico con la Fiorentina concluso a giugno scorso.
Sembrerebbe prevista nell’organigramma dirigenziale anche la figura di un ex calciatore dal passato glorioso con la maglia rossonera. Si è parlato di Demetrio Albertini e di Paolo Maldini, ma nella corsa il favorito sembrerebbe essere Alessandro Costacurta, l’indimenticato stopper, che a fianco di Franco Barese rese imperforabile la difesa rossonera.

Leggi anche:  LIVE Fiorentina Milan Femminile, cronaca e risultato in tempo reale: 0-1 all'intervallo

Il nuovo Milan – Le parole di Li Yonghong

Dopo i comunicati ufficiali di Sino-Europe Sports e di Fininvest, che hanno reso pubblico l’avvenuto versamento degli 85 milioni di euro, sono da sottolineare le parole di Li Yonghong, che, come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “L’annuncio rappresenta una pietra miliare del processo che ci porterà a scrivere un nuovo e glorioso capitolo nella vita di questa incredibile squadra. Il nostro obiettivo è riportare questa squadra leggendaria al livello dei migliori club del mondo”.

Il nuovo Milan – Donnarumma punto fermo

I tifosi rossoneri, ai quali le parole di Li Yonghong hanno fatto molto piacere, vedono in Gigio Donnarumma uno dei punti fermi del nuovo Milan. L’esordio del giovanissimo portiere nella Nazionale maggiore, avvenuto il 1° settembre scorso a Bari contro la Francia, costituisce un record. Anche Gianni Rivera, indimenticato “Golden Boy” del calcio italiano in maglia azzurra a 18 anni, è stato superato da Donnarumma con il suo esordio in Nazionale a 17 anni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: