Montella : “Non bisogna perdere l’entusiasmo”. Le dichiarazioni dell’allenatore del Milan

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Milan-Conferenza-Montella-640x383-800x500_cFilosofia Montella: quando non si riesce a vincere sarebbe meglio non perdere.  Ma il Milan di oggi contro l’Udinese non soltanto non è stato in grado di portare a casa i tre punti ma è riuscito anche nell’ “impresa” di perdere una gara giocata senza tanto carattere contro una buona Udinese.  L’umore del tecnico rossonero nel dopo partita non era dei migliori. D’altronde dopo il buon avvio, all’esordio contro il Torino, il Milan ha inanellato due sconfitte di fila che aprono già, alla terza giornata, una piccola crisi.

Le parole di Vincenzo Montella al termine della gara contro l’Udinese

“Non siamo contenti del risultato. L’Udinese ha fatto una partita molto compatta, non siamo riusciti a creare molto ma nel finale è stata una beffa il gol preso e siamo stati anche sfortunati. Peccato perché quando non puoi vincere è importante non perdere: lavoreremo anche per migliorare questo aspetto. In queste partite ci vuole un guizzo, un pizzico di fortuna per sbloccarle: non abbiamo avuto il cambio di passo per mettere in difficoltà l’Udinese. Potevamo sfruttare meglio le corsie esterne, non siamo stati veloci nell’impostazione, peccato non aver sbloccato la gara. Potevamo e dovevamo fare di più. Sapevamo quanto fosse difficile questa partita. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, nella ripresa no. Non abbiamo avuto lo sprint mentale per vincere la partita. La sconfitta di oggi è un passo indietro rispetto alle gare contro Torino e Napoli però in un processo di crescita di una squadra qualche passo falso può capitare. Oggi avevamo Niang fuori, quindi avevamo qualche soluzione in meno nell’uno contro uno. Non è un problema di giocatori, le risorse ci sono per fare meglio rispetto alla gara di oggi. Honda? Gli ho chiesto di cercare il dribbling sull’esterno e devo dire che ha avuto un buon impatto sulla partita. Resto ottimista. Sono stato scelto per risolvere i problemi e per questo dobbiamo lavorare consapevoli che bisogna migliorare. Dispiace per i fischi dei tifosi, dobbiamo crescere anche per loro. Non dobbiamo perdere entusiasmo, dobbiamo capire tutti insieme che non è la stessa cosa quando si perde rispetto a quando si vince. Dobbiamo fare di più con una maggiore rabbia e voglia”.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •