Napoli: Reina salva-azzurri, Sarri attacca Damato, servono i gol dal mezzo

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
sarri

Maurizio Sarri

Napoli: gli azzurri tornano dalla trasferta di Genova con un punto ma senza gol, il pareggio di Marassi costa il primato agli uomini di Sarri, scavalcati dalla Juventus. Il Napoli ha anche rischiato seriamente di perdere la partita, Reina, criticato ultimamente, ha salvato il risultato all’ultimo respiro su Giovanni Simeone, subentrato all’infortunato Pavoletti. Bravo Juric a imbrigliare il gioco del Napoli con un Genoa tutta corsa e sacrificio, che però non ha disdegnato delle sortite offensive con l’ottimo Laxalt a sinistra e l’inesauribile Ntcham. Per quanto riguarda Sarri, il tecnico azzurro può essere soddisfatto della prestazione dei suoi, anche se è mancata un po’ di brillantezza in attacco, con Mertens in ombra, Callejon impreciso e Milik poco rifornito. Maluccio anche Insigne quando è entrato a posto di Mertens, il folletto di Frattamaggiore ha sprecato un’occasionissima, solo, davanti a Perin. In questo tipo di partite al Napoli di Sarri servirebbe qualche gol dai centrocampisti, visto che non sempre gli attaccanti possono togliere le castagne dal fuoco. Hamsik è andato a segno solo contro il Palermo, Jorginho non segna in serie A dal dicembre 2013 e Allan è ancora lontano dagli standard di rendimento dello scorso campionato. Tardivo, forse, l’ingresso di Zielinski, decisivo contro il Milan, il polacco non è riuscito a spaccare la partita contro un Genoa organizzatissimo. Il tutto in attesa che Sarri decida di dare una chance ai vari Rog, Diawara e Giaccherini, che magari potranno vedere il campo già dal prossimo impegno di campionato, sabato sera al San Paolo contro il sempre sorprendente Chievo.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: van de Beek arriva ad una sola condizione, Inzaghi incontra un suo pupillo...

Furia Sarri:” Ci mancano due rigori, intervenga la società”

Genoa-Napoli è stata contraddistinta anche dalle proteste azzurre per un paio di episodi più che dubbi in area rossoblu che hanno fatto infuriare Sarri e tutta la panchina partenopea. Prima un fallo di mano di Ocampos, poi una trattenuta di Burdisso su Milik, entrambi gli episodi giudicati non meritevoli del rigore a giudizio del signor Damato. A fine partita è esplosa l’ira di Sarri:” Ci mancano due rigori netti, ora basta, intervenga la società, non si può andare avanti così”. L’allenatore del Napoli è furibondo, visto che già alla prima giornata a Pescara gli azzurri erano stati protagonisti di un episodio molto discusso (rigore non dato per un fallo fischiato in precedenza su Bizzarri). Ma tant’è, il Napoli deve subito mettere da parte la serata di Marassi, sabato c’è il Chievo dei miracoli e poi il Benfica in Champions League, non c’è un attimo di respiro, neanche per recriminare.

  •   
  •  
  •  
  •