Nella Sampdoria il lituano Krapikas il meno pagato d’Italia

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

Titas Krapikas

Non tutti sono top player con ingaggi da 7 milioni e mezzo, come ad esempio il bianconero Higuain, tuttavia essere il giocatore meno pagato della serie A chissà che sensazione fornisce a Titas Krapikas, diciasettenne lituano in forza alla Sampdoria come quarto portiere e, a 17 anni, titolare della formazione Primavera e nel giro della nazionale di categoria del suo paese. 

Titas è balzato agli onori della cronaca in queste ore perché, cifre ufficiali alla mano, è saltato fuori che, con un ingaggio di 18.000 euro annui, questo ragazzo lituano, è nato il 3 gennaio 1999, è lontano anni luce dai conti siderali dei suoi colleghi.
Titas, a fronte dell’età, è un autentico gigante di quasi due metri d’altezza: capello biondo, occhio ceruleo, Titas è tutt’altro che algido e sempre dispoto alla battuta semplice con i tifosi che lo fermano anche per scambiare due parole.
Lasciare casa propria, la squadra che lo ha fatto “crescere”, il Nacionaline Futbolo akademija, per questo ragazzo di Kaunas non deve essere stato semplice e cos’, come tutti i ragazzi della sua età, affida al social le propri speranze e le  giornate genovesi fuori dal calcio. 
Foto sulla passeggiata di Nervi o sulle scoglere del Levante, ma anche ritratti di vita di spogliaotio nel suo profilo social. E poi anche un post di ringraziamento a Puggioni, portiere tifoso della Sampdoria che, da secondo di Viviano, ha preso a benvolere questo ragazzo dal luminoso futuro.
Sempre a leggere la pagina di questo ragazzone si scopre che ha molti amici rimasti in Lituania che giocano a calcio come lui e cercando di trovare posto nella massima divisione del loro paese e fanno il tifo per l’amico approdato in un campionato difficile come quello italiano. A dire il vero il ragazzo ha anche un bello stuolo di nordiche ammiratrici. Ma lui non se ne cura molto, deve migliorarsi e, possibilmente, migliorare anche il conto in banca.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: