Palermo – Juventus, le dichiarazioni dei protagonisti nel postpartita

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

194519756-05ed1d2a-b46f-4a75-b43c-8fb1a89bc667Dani Alves mentre viene festeggiato dai compagni. Il suo cross deviato da Goldaniga ha permesso alla Juventus di battere il Palermo

Massimo Allegri
: “Non era facile vincere a Palermo, trovavamo una squadre che aveva fatto 4 punti nelle ultime 2. Nel finale siamo rimasti in 10 e abbiamo sofferto. Potevamo fare meglio sul piano tecnico ma ci prendiamo questi tre punti e li portiamo a casa. Se pesa l’assenza di Marchisio? Manca perché non c’è. Giocano gli altri, e va bene così. Dobbiamo giocare meglio, dobbiamo lavorare sulla personalità ma era importante portare a casa i tre punti. Mandzukic-Higuain? Hanno fatto bene, si sono dati da fare anche in fase difensiva. Secondo me hanno giocato bene. Era la prima volta che giocavano davanti e oggi mi servivano per fare da punti di riferimento in attacco e guadagnare qualche calcio di punizione. Abbiamo avuto qualche occasione anche grazie a loro. Per quello che gli avevo chiesto hanno fatto una buona partita, è chiaro che per caratteristiche giocano più di sponda che dialogando tra loro. Chi è l’anti-Juve? Il campionato è aperto, non è chiuso come tutti dicevano a inizio campionato. Adesso dobbiamo vincere martedì a Zagabria. Gli infortunati? Rugani sta in piedi, Asamoah sul lettino: spero non sia niente di grave. Abbiamo ancora una settimana prima della sosta per poi recuperare anche gli altri. Cosa dobbiamo fare in Champions League? Dobbiamo fare gol. Col Siviglia abbiamo giocato bene ma è una cosa passata e adesso dobbiamo giocare con la Dinamo“.

Leggi anche:  Striscione tifosi Fiorentina sotto la Fiesole: "Ora basta! Avete rotto, rispetto per la maglia" (FOTO)

Leonardo BonucciDi positivo c’è soltanto il risultato. Dobbiamo migliorare sotto tutti i punti di vista, non basta quello che abbiamo dato oggi sul campo, ma ripartiamo da quanto c’è di positivo: due vittorie consecutive senza subire gol. Ripartiamo da qui ma c’è sempre da migliorare. Tanti errori? Sotto il profilo tecnico non possiamo giocare così. Dinamo Zagabria? Dobbiamo vincere, da quando torniamo a Vinovo stasera testa alla Champions League”.

Alex Sandro: “È sempre importante vincere e conseguire i 3 punti. Sappiamo che incontriamo sempre squadre che vogliono vincere. Ci vuole pazienza e corsa per superarle. In serate così in cui magari non siamo brillantissimi, è importante rimanere lì in testa. Dovevamo vincere, non abbiamo fatto una buona partita, non è sempre facile vincere facendo 2-3-4 gol, ma va bene perché l’importante erano i 3 punti“.

Leggi anche:  Juventus, gara importante: primato e sorteggio più agevole

Roberto De ZerbiIo simile a Conte? Diciamo che in campo mi faccio sentire molto, e non sto fermo. La reazione dopo il gol? Abbiamo attaccato dopo il gol, ma se avessimo avuto un pizzico di coraggio in più avremmo potuto fare meglio. Siamo orgogliosi di come abbiamo giocato, poi quando la Juventus fa gioco è una squadra che fa paura. Siamo inferiori a loro tecnicamente e come organico, e questo è emerso“.

Alessandro Gazzi: “Sappiamo che sarà un campionato difficile in cui ci giocheremo la salvezza fino alla fine. Consapevoli e soddisfatti per la prestazione ed anche per il feeling che sta nascendo con il pubblico che nonostante la sconfitta ci ha applaudito. Dobbiamo continuare a seguire il mister e migliorare. C’è anche rammarico per come è venuta la sconfitta“.

  •   
  •  
  •  
  •