Probabili formazioni Inter Juventus: Perisic recupera, Mandzukic dal 1′

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

Probabili formazioni Inter Juventus

Probabili formazioni Inter Juventus: ecco quali dovrebbero essere le scelte di De Boer e Allegri.

La quarta giornata di campionato offre una sfida di grande fascino, il derby d’Italia, vale a dire l’eterna sfida tra Inter e Juventus. I nerazzurri, dopo la pesante sconfitta subita in Europa League, arrivano alla partita con molte pressioni, mentre i bianconeri sono determinati a dare un segnale forte al campionato e alle rivali. Poche soprese per l’Inter con De Boer che dovrebbe confermare la formazione scesa in campo a Pescara. Sorprende invece Allegri: Benatia sembra destinato a partire titolare, con Barzagli tenuto a riposo. Anche Higuain dovrebbe partire dalla panchina, sostituito da Mandzukic. Pjanic verrà schierato regista, con Asamoah interno. Sulla corsia sinistra, Alex Sandro sembra aver vinto il ballottaggio con Evra. Ecco quali dovrebbero essere i 22 calciatori scelti da De Boer e Allegri:

Probabili formazioni Inter Juventus

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Santon, Miranda, Murillo, Santon; Joao Mario, Medel; Candreva, Banega, Perisic; Icardi.

Juventus (3-5-2): Buffon; Benatia, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Khedira, Pjanic, Asamoah, Alex Sandro; Higuain, Dybala.

Ecco le parole dei due allenatori alla vigilia del match:

De Boer:

“Domani ci toccherà un grande avversario, ho grande rispetto per loro, ma nessuna paura. La cosa più importante sarà essere squadra e con l’aiuto dei nostri tifosi potremo fare bene. Ma tutto dovrà andare nel verso giusto. Dovremo cercare di mettere in campo la stessa rabbia vista nel ritorno della semifinale di Coppa Italia della scorsa stagione. Perché i tifosi devono crederci? Perché amano questi colori e perché sanno che ci serve il loro aiuto. Devono credere in noi, in certe gare tutti danno qualcosa in più”.

Allegri:

“In un campionato capitano 3-4 momenti in cui portare a casa i tre punti può dare una svolta alla stagione, domani è uno di questi. È impensabile vincere 50 partite di fila, gli unici che giocano di sicuro sono Lichtsteiner e Khedira, ci sarà qualche cambio perché giochiamo ogni 3 giorni. La panchina non è una bocciatura ma una scelta dell’allenatore, a marzo i campionati si vincono con le panchine, l’anno scorso Zaza e Lemina ci hanno dato punti importanti. Il primo obiettivo per noi deve essere il sesto scudetto, sarebbe qualcosa di leggendario, la Champions invece è diversa, gli episodi sono determinanti, ecco perché non dobbiamo mai perdere di vista il nostro obiettivo principale, vale a dire lo scudetto”.

  •   
  •  
  •  
  •