Probabili formazioni Roma Crotone: Totti dal 1′, tridente per gli ospiti

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

Probabili formazioni Roma Crotone

Probabili formazioni Roma Crotone: ecco le scelte dei due tecnici.

Dopo la sconfitta rimediata a Firenze, la Roma di Luciano Spalletti vuole ripartire: ad attenderla ci sarà il Crotone di Nicola, bisognoso di conquistare punti in chiave salvezza. Il tecnico giallorosso sembra intenzionato a lanciare Francesco Totti dal primo minuto, schierando la squadra con il 4231. A completare il quartetto d’attacco in casa romanista dovrebbero esserci Salah, El Shaarawy e Edin Dzeko. A centrocampo il tecnico romanista concederà un turno di riposo a Nainggolan, con Paredes pronto a partire dal primo minuto. In difesa, con l’assenza dell’infortunato Vermalen, sarà Fazio a fare coppia con Manolas. Il Crotone invece, chiamato ad affrontare una trasferta quasi proibitiva, non intende snaturarsi per l’occasione: Nicola infatti insisterà sul 3-4-3, con il tridente d’attacco formato da Falcinelli, Trotta e Palladino. Ecco quali dovrebbero essere i 22 calciatori che scenderanno in campo questa sera allo stadio Olimpico:

Leggi anche:  Bologna, Mihajlovic: "Il tempo degli alibi è finito"

Probabili formazioni Roma Crotone

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Florenzi, Manolas, Fazio, Bruno Peres; Paredes, Strootman; Salah, Totti, El Shaarawy; Dzeko.

Crotone (3-5-2):
Cordaz; Ceccherini, Dussenne, Ferrari; Rohden, Capezzi, Crisetig, Martella; Falcinelli, Trotta, Palladino.

Ecco le dichiarazioni di Spalletti e Nicola alla vigilia del match:

Spalletti:

La rosa della Roma non è corta, ma dovremmo avere a disposizione tutti i calciatori. È un organico di qualità, stiamo bene così. Vermaelen non sarà convocato per la partita di domani, vedremo se riuscirà a recuperare per la partita contro il Torino. Dobbiamo crescere come squadra, se lo facciamo, possiamo mettere calciatori come Salah nelle condizioni di esprimere il proprio estreo. In attacco dobbiamo essere più velenosi. Ai ragazzi ho detto che siamo sulla strada giusta, ma dovremo necessariamente rafforzare alcuni concetti come la precisione nel possesso del pallone. Dobbiamo riuscire a cambiare la nostra vita di squadra ed i nostri risultati con il comportamento. Dobbiamo riuscire a comandare le partite e stare di più nella metà campo avversaria. Futuro? Noi ce lo giochiamo ora, il mio invece dipenderà da quello che sarò in grado di dimostrare. De Rossi capitano? Ha reagito bene, allenandosi bene e giocando bene. Le tre partite senza fascia sono finite”.

Nicola:
” Il fatto di poter calcare un campo come l’Olimpico ci deve rendere orgogliosi, non m’importa chi incontriamo. Non guardo Roma o Juve come se fossero di un altro pianeta, fanno parte del nostro campionato. Si tratta di squadre abituate a vincere e quando incontrano squadre anche più forti di noi riescono a batterle facilmente. Quella di domani è quel tipo di partita che ci possono aiutare a fare il salto di qualità.

  •   
  •  
  •  
  •