Probabili formazioni Sassuolo Genoa: si rivedono Matri e Ocampos

Pubblicato il autore: Nunzio Corrasco Segui

Probabili formazioni Sassuolo Genoa

Probabili formazioni Sassuolo Genoa: ecco quali dovrebbero essere le scelte di Di Francesco e Juric.

Dopo la bellissima vittoria ottenuta contro l’Athletic Bilbao in Europa League, il Sassuolo torna a concentrarsi sul campionato: ad attendere la formazione neroverde ci sarà il Genoa di Juric. Di Francesco non riesce a recuperare Berardi e sembra intenzionato a dare spazio a Matri nel tridente offensivo. Il tecnico del Genoa invece deve sogliere il dubbio su chi sarà il partner d’attacco di Pavoletti: il dubbio è tra Gapkè e Ocampos, con il secondo leggermente favorito per una maglia da titolare. Ecco quali dovrebbero essere le scelte dei due allenatori:

Probabili formazioni Sassuolo Genoa

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Biondini, Magnanelli, Duncan; Ragusa, Matri, Politano. All.: Di Francesco

Genoa (3-5-2): Perin; Izzo, Burdisso, Orban; Lazovic, Veloso, Rincon, Rigoni, Laxalt; Pavoletti, Ocampos. All.: Juric

Ecco le parole di Di Francesco e Juric alla vigilia del match:

Di Francesco:

Il Genoa ha mantenuto l’ossatura dello scorso anno ed ha inserito dei giovani interessanti. Hanno moltissimi ragazzi che hanno già giocato in serie A, hanno meno esordienti del Sassuolo. Juric è stato molto bravo a dare continuità a quanto fatto da Gasperini mettendoci del suo.  Possono mettere in difficoltà tutti perché hanno fisicità e danno pochi punti di riferimento”.

Juric:

“In settimana abbiamo lavorato bene ed abbiamo cercato di riproporre il più possibile certe situazioni di gioco che si potrebbero presentare sul campo proprio in base al sistema di gioco utilizzato dal Sassuolo. Loro non hanno bisogno di tempo. La squadra gioca lo stesso calcio da anni, noi invece non copriamo sempre il campo come voglio io. De Francesco poi conosce alla perfezione pregi e difetti di quasi tutti i suoi giocatori. Ocampos sta lavorando bene e sono contento di lui, ma è ancora in una fase apprendimento: fa due passi avanti ed uno indietro”.


  •   
  •  
  •  
  •