Torino, allarme in attacco per Mihajlovic: si infortuna Martinez

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta Segui

Torino_FC_logo.svg

Torino, allarme in attacco per Mihajlovic: si infortuna Martinez

In casa Torino, gli imprevisti non finiscono mai. Dopo un buon inizio di campionato (sconfitta con il Milan nella prima giornata, vittoria sul Bologna nella seconda) di buon livello, che ha consegnato al commissario tecnico Sinisa Mihajlovic certezze sul modulo da impiegare e sugli interpreti, arriva una nuova tegola in casa Toro. Dopo Andrea Belotti (capocannoniere della Serie A fino a questo momento, con quattro reti all’attivo), un altro giocatore nazionale rientra in gruppo infortunato. Si tratta di Josef Martinez, attaccante del Venezuela andato anche a segno nel 2-2 con l’Argentina di Leo Messi, match valido per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Ecco come sono andati i fatti nel match di questa notte: al minuto 75 il giocatore granata è uscito in barella a causa di una fitta alla coscia destra, dopo aver tentato di staccare di testa. E’ ancora prematuro fare calcoli sul sicuro recupero del giocatore venezuelano, visto che l’entità dello stop è ancora da definire, ma di sicuro la sfortuna sembra essersi abbattuta sul Torino, soprattutto per quanto riguarda gli interpreti dell’attacco granata. Infatti, in poco tempo si è fermato prima Ljajic, poi è toccato a Belotti fermarsi al pit stop, e ora è il nazionale venezuelano a cui tocca pagare pegno. Guai in casa Torino per la trasferta di domenica prossima a Bergamo contro l’Atalanta: il ct Sinisa Mihajlovic si troverà alle prese con il reparto offensivo fortemente decimato, considerando che lo stesso Maxi Lopez negli ultimi giorni si è allenato a parte per problemi fisici, anche lui. Quindi, a disposizione del tecnico restano Iago Falque e Boyè.

Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: super Ilicic, la Dea cala il tris a San Siro

Torino, allarme in attacco per Mihajlovic: si infortuna Martinez. Miha non ha molte frecce al proprio arco, la faretra è vuota e di sicuro l’ex ct di Milan e Sampdoria dovrà pensare a qualche sostituzione non solo dei suoi interpreti che scenderanno in campo nella importante gara contro l’Atalanta a Bergamo, ma anche un cambio di modulo, giocando cosi con meno punte di ruolo, e impiegando mezzapunte o esterni, in modo da recuperare il gap offensivo a favore di una maggiore stabilità ed equilibrio in campo.

  •   
  •  
  •  
  •