Classifica Milan, 6 anni dopo i rossoneri tornano a respirare aria d’Europa. Questi punti mancano dal 2010

Pubblicato il autore: Giancarlo Fusco Segui

Classifica Milan, chi lo avrebbe mai detto che dopo 8 giornate di campionato sarebbe stato così in alto in classifica? Nessuno ci avrebbero scommesso ma si sono dovuti ricredere

Serie A Milan, la cura Montella sta portando i suoi effetti?

Serie A, classifica Milan, dopo 6 interminabili anni i rossoneri si ritrovano al secondo posto dopo otto giornate di campionato. Alzi la mano chi era sicuro di vedere la squadra allenata da Vincenzo Montella ad alta quota a questo punto della stagione; ma attenzione questo non vuol dire che il Milan sarà l’antagonista della fortissima Juventus per la stagione in corso, piuttosto potrebbe significare che il vento sta cambiando e la freschezza della rosa, se pur ancora limitata potrebbe essere un fattore determinante da qui a fine campionato.
Il Milan, infatti, ha iniziato a vincere partite che in altri tempi non avrebbe mai vinto mettendo, così, in cassaforte punti preziosi e che fanno, soprattutto, bene al morale tanto dei giocatori quanto dei tifosi che stanno riscoprendo la passione verso i propri colori sociali.

Ottava giornata Serie A con la sorprendente classifica Milan, è tornata aria d’Europa

Dopo la sconfitta del Napoli contro la Roma e il pareggio della Lazio contro il Bologna, al Milan si è presentata una ghiotta occasione su un campo ostico per chiunque, a Verona contro il Chievo che in casa non perdeva dal 31 gennaio 2016 e che, in questa stagione, almeno fino a ieri sera, era appaiata in classifica proprio con i rossoneri a 13 punti.
Sicuramente la partita non è stata semplice da sbloccare con gli uomini di Maran aggressivi sin dall’inizio, tuttavia, gli uomini di Montella hanno avuto il merito di non perdere la calma aumentando il ritmo del match se pur lentamente. Il risultato finale è noto a tutti e la classifica dopo 8 giornate recita Juventus al primo posto con 21 punti, seguita dalla Roma e dallo stesso Milan a quota 16. Se per gli uomini di Spalletti non è una novità essere lì in alto in classifica per i rossoneri, invece, si tratta di una sorpresa a tutti gli effetti.
Per vedere il Milan così in alto in classifica, infatti, bisogna tornare dietro di 6 anni, stagione dell’ultimo scudetto vinto. Sicuramente la strada è ancora lunghissima, siamo appena al buongiorno, però in quel di Milanello si è tornata a respirare aria d’Europa perché dopo 8 turni nelle ultime tre stagioni il Milan era già in ritardo sulla classifica e non di poco.

Sorpresa Milan, a chi attribuire il merito?

La rosa rossonera è ancora limitata soprattutto negli uomini perché dopo i titolari sembra esserci un vuoto soprattutto a centrocampo dove Montella ha dovuto fare di necessità virtù. Dunque è, forse, proprio del tecnico il merito di questa classifica perché da quando c’è lui sembra esser tornato il sereno nello spogliatoio con tutti i giocatori, anche quelli che giocano meno, a remare verso la stessa direzione. I meriti ovviamente, vanno però, divisi anche con la squadra, la più giovane della serie A, altro elemento fondamentale e che ha sicuramente giovato all’aumentato di entusiasmo di tutti perché è risaputo che lo stato d’animo del collettivo si ripercuote anche sulle prestazioni, poi le vittorie aiutano a vincere e ad aumentare ulteriormente l’autostima.
Attenzione, però, a non volare troppo in alto o con poca umiltà, perché anche se il secondo posto ad oggi sembra essere affare di altre squadre il Milan ha tutto per dire la sua, per poter finalmente tornare a calpestare palcoscenici in ambito europeo e sarebbe, dunque, un peccato gettare al vento un’occasione così ghiotta.

Classifica Milan, solo nella stagione 2010 sono stati fatti più punti dopo 8 giornate

Il dato più importante dell’attuale classifica del Milan sta nel fatto che i rossoneri non facevano così tanti punti dalla stagione 2010-2011 quando la classifica diceva che i punti ne erano 17, in pratica solo 1 in più rispetto a quelli raccolti in questa stagione da Montella. Nel 2011-2012, invece,i punti sono stati 14, peggio è andata nel campionato 2012-2013 quando la squadra di Allegri ha raccolto solo 7 punti.
Siamo poi all’anno ‘maledetto’, quello dell’esonero di Max Allegri, stagione 2013-2014, il Milan aveva collezionato 11 punti, la stagione 2014-2015, quella di Pippo Inzaghi il Milan ha messo assieme 15 punti. La storia recente dell’anno scorso, invece, dice che il Milan di Mihajlovic dopo 8 giornate ha collezionato solo 10 punti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: