Genoa Empoli, Juric: “Questo non è sport secondo me”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

juric genoa

Gioca il Genoa nonostante un uomo in meno per buona parte della partita, ma alla fine Juric si deve accontentare di un punto. Pairetto nel centro del ciclone per le sue decisioni alquanto discutibili, specie per la mancata segnalazione del fallo di Bellusci su Simeone in area di rigore nel primo tempo,  per l’intervento da dietro di Saponara su Laxalt e sul nuovo fallo di Bellusci già ammonito su Ninkovic. A fine Genoa Empoli in sala stampa si è presentato un Juric soddisfatto per la prestazione della squadra:

“Fare sessanta minuti con un uomo in meno è tanta roba, nessun tiro subito, squadra ordinata che ripartiva. Mi tengo stretto questo, noi in parità numerica andiamo avanti, mi dispiace, sono soddisfatto di come hanno giocato i ragazzi, ma  spero che in futuro di festeggiare anche io”

Riguardo alle decisioni di Pairetto Juric ha preferito andare oltre, giudicando però in maniera positiva gli arbitri italiani:

Leggi anche:  Juventus, la svolta deve arrivare in Supercoppa: un trofeo può ridare tranquillità a Pirlo

“Non voglio entrare nel merito di queste cose, faccio fatica. Non è sport qiesto secondo me, non è spirito qiesto, ma a me piacciono gli arbitri in Italia. Forse un po di umanità in più servirebbe”

Juric ha poi parlato della prestazione di Ninkovic entrato nella ripresa di Genoa Empoli:

“Ninkovic ha fatto bene, abbiamo mantenuto il possesso palla, in quel momento un giocatore come lui poteva fare bene, mi spiace per quel tiro perchè negli allenamenti segna sempre”

Archiviato Genoa Empoli Juric adesso pensa al derby, una partita importante in cui il Grifone avrà ancora assenze pesanti:

“In attacco siamo in emergenza, con Pandev sono ancora incazzato perché sta bene e oggi poteva darci una mano, la rosa però risponde,Edenilson nel suo ruolo ha fatto bene. Adesso sarà dura, abbiamo tante assenza, derby gara a sè, dobbiamo essere intelligenti e giocate al massimo. Oggi i ragazzi si sono meritati gli applausi e non solo, nei momenti di difficoltà hanno fatto bene, come prestazione sono felice”

  •   
  •  
  •  
  •