Il Milan rimonta, Montella: “Non lasciamoci andare a facili entusiasmi”

Pubblicato il autore: Daniela Segui

chiasso-milan

Una vittoria per il Milan che non deve fare perdere di vista il vero obiettivo, una vincita contro la Juventus, prima in classifica, che non deve creare troppi castelli in aria. E’ questa la sintesi delle dichiarazioni di Montella rilasciate a pochi giorni dalla ormai imminente prossima partita contro il Genoa; match che detto per inciso, porterebbe seppur temporaneamente la sua formazione in testa alle classifiche. E’ una cosa che non accadeva da anni nella società sportiva calcio Milan: lo scorso anno tutti i calciatori sono stati aspramente criticati per il loro gioco “fin troppo molle” e sembrava che tutta la squadra fosse priva di grinta. Per questo 2016, sarà per quella marcia in più, per la braura dell’allenatore o per il gioco grintoso dei due grandi della formazione, Donnarumma e Montella entrambi subentrati dalla primavera, pare che il Milan abbia riacquistato un nuovo slancio e un rinnovato vigore. Ma, come ha affermato Montella, è bene non fasciarsi la testa: giustamente la vittoria contro la squadra più forte, la Juventus appunto, ha esaltato gli animi di giocatori e tifosi, ma bisogna continuare  a tenere i piedi per terra per sperare di raggiungere obiettivi ancora più alti. D’altro canto, tantissime formazioni in passato, solo per avere creduto troppo in loro stesse, alla fine sono capitolate con la prima sconfitta. Ma questo Milan adesso, riacquistata forse la fiducia rispetto al passato e con una maggiore consapevolezza della propria forza, da più parti si afferma potrebbe dare e fare molto di più. Vincere il campionato? Per Montella giocatori sembra quasi un’impresa impossibile, un’opera titanica. Obiettivo per ora a quanto pare sarebbe certo vincere in Italia ma anche e soprattutto in Europa, quella che l’allenatore ha definito la “casa” del Milan. In effetti la formazione è lontana dall’Europa da un bel pò di tempo. “Vincere nel suo paese” e ritornare a quella che è stata definita la “casa”rappresentano dei desideri che l’ormai “andato” presidente Berlusconi voleva da tempo, ma che purtroppo non è mai riuscito a raggiungere. Una cosa è certa in questo momento: l’intera formazione si regge sulle gambe forti di Donnarumma e Locatelli i veri assi per ora e campioni in carica dell’intero gioco. In merito a Donnarumma, dopo l’ingaggio e la sua bravura, definito il nuovo Buffon, si prevede un contratto alle stelle con guadagni che s’aggirerebbero anche intorno a milioni di euro. Certo una cifra enorme per un ragazzo, anche se il suo talento, assicurano i formatori, sicuro farà strada. Altra cosa importante che Montella ha tenuto a sottolineare è che il Milan è una delle poche squadre italiane composta da talenti italiani e gestita da allenatori italiani: una bella sfida e una grande scommessa dunque probabilmente uno tra i tanti desideri dell’uscente presidente. In ultimo, sempre in recenti dichiarazioni, Montella ha esaltato il fatto che lasciarsi andare a facili entusiasmi, nonostante sia successo anche da parte sua, non serve a niente, serve solo a rallentare l’energia e avere pochi stimoli per l’ormai vicinissima nuova sfida. Emblematica allo scopo una frase che lui stesso ha pronunciato:”L’entusiasmo ti da punti, l’euforia te li toglie”

  •   
  •  
  •  
  •