Lazio, un mese e mezzo di fuoco

Pubblicato il autore: Marco Tarantino Segui

Probabili formazioni Milan LazioLa Lazio esce con il morale rinfrancato dal pareggio raggiunto in extremis contro il Bologna allo Stadio Olimpico nell’ultima sfida casalinga del campionato italiano di calcio: la squadra di Simone Inzaghi ha subito il goal dei rossoblu in avvio di gara ma è riuscita ad esprimere un ottimo gioco per larghi tratti del match, dominando l’avversario, senza avere però la precisione necessaria sulle verticali, sia sotto porta quando si trattava di dover concludere la manovra, che sulla trequarti, o sui cross quando si trattava invece di mettere in porta i compagni in campo.

Insomma tutto sommato due punti persi, ma bicchiere mezzo pieno per come è arrivata la vittoria: quota 14 punti, a parimerito proprio con i granata, prossimo avversario della Lazio. Sinisa Mihajlovic ha creato una squadra a sua immagine e somiglianza: difesa dura, centrocampo di corsa e tanta qualità e movimento in attacco.

Simone Inzaghi ha parlato chiaro, chiarissimo: Il Torino è una squadra davvero forte, ma il Palermo gli ha concesso troppo in casa. Se lavoreremo bene faremo risultato anche in trasferta e continueremo il trend positivo di queste ultime giornate di campionato.

Contro i granata tornerà sicuramente arruolabile Dusan Basta, mentre non ci sarà Stefan Radu, che ammonito salterà la sfida perché era in diffida e verrà squalificato dunque per un turno. Lukaku suo sostituto non sarà in campo salvo miracoli, e quindi via a nuove soluzioni tattiche o adattamenti con l’ex Udinese o Patric, o Lulic inseriti come terzini sinistri, oppure un cambiamento di modulo che prevederà la difesa a 3 con Senad Lulic e Dusan Basta larghi a centrocampo e un attacco a tre, ma solo due mediani in mezzo al campo a fare legna contro i centrocampisti granata.

Le prossime sfide ci diranno le vere ambizioni della squadra biancoceleste: si parte come detto dal Torino, proseguendo con due sfide casalinghe da dentro o fuori con Cagliari e Sassuolo, da vincere ma contro due avversarie davvero in forma straripante. Poi si vola al San Paolo contro il Napoli senza Milik ma con tanta voglia di rivalsa. Dopo Napoli una breve sosta per le nazionali, quindi di nuovo si riapre all’Olimpico con il Genoa di Juric e con la Sampdoria a Marassi la settimana successiva. Derby, Fiorentina, Inter a San Siro, per chiudere poi con Crotone all’Olimpico il girone d’andata e riaprire di nuovo all’Olimpico contro l’Atalanta.

De Vrij e Basta ci saranno contro il Torino, con loro anche Kishna, Radu tornerà contro il Cagliari, per Lukaku ancora qualche giorno di attesa prima di capire quando sarà riaggregato in gruppo. Torneranno dopo la sfida del San Paolo probabilmente sia Biglia che Bastos, ed in tutto questo Keita saluterà per la Coppa d’Africa e servirà un attaccante per sostituirlo.
Insomma un mese e mezzo di fuoco quello che aspetta la Lazio, tante sfide difficili, tante avversarie toste, per capire se veramente la Lazio ha trovato un allenatore in grado di guidarla in Europa, o se la squadra è stata sopravvalutata dopo un avvio di campionato al di sopra delle attese. La verità? La scopriremo già da dicembre…

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: