Lazio, ostacolo rossoblu: il Cagliari all’Olimpico

Pubblicato il autore: Marco Tarantino Segui

Cagliari alla sfida per riscattarsi subito: non sarà una gara facile quella dell’Olimpico per gli uomini di Rastelli, ma neanche per la Lazio di Simone Inzaghi. Dente avvelenato, dopo i 5 goal incassati, i rossoblu si presentano per il turno infrasettimanale a Roma con molti ricambi: il tecnico Rastelli in conferenza stampa ha dichiarato infatti che opererà qualche cambio a livello di uomini:  “Penso di fare quattro cambi per non snaturare la squadra”.
Insomma, cambiano gli interpreti ma si va avanti con il 4-3-1-2.
Marco Storari

Il Cagliari di mercoledì sera dovrebbe vedere l’impegno quindi di 4 novità: dal primo minuto possibilità per Ceppitelli che torna a guidare la difesa, con Bittante che sostituirà con ogni probabilità invece Pisacane. A centrocampo l’ex Juventus Simone Padoin scalpita per giocare e potrebbe superare Munari per un posto da titolare. Sulla trequarti possibile altro avvicendamento con Barella che potrebbe far tirare il fiato alla nota positiva Di Gennaro. In attacco possibile chance per Melchiorri per uno tra Marco Borriello o Marco Sau (probabilmente proprio per il sardo a corto di fiato nelle ultime uscite).

4-3-1-2 contro il 4-3-3 della Lazio: Melchiorri/Sau e Borriello metteranno pressione su Hoedt e Wallace, non proprio dei velocisti e dei marcatori a uomo eccellenti, Barella tenterà di inserirsi negli spazi creati e se la vedrà con Marco Parolo, nazionale italiano, uno dei più negativi contro il Torino (autore per altro del fallo da rigore nel finale, e meritevole di un secondo giallo non assegnato dall’arbitro sempre contro i granata che poteva mettere in seria difficoltà gli uomini di Simone Inzaghi). Sulle fasce Isla forse a riposo, chi giocherà a sinistra se la vedrà con un Patric in grande spolvero, mentre a destra ci sarà l’avversario Radu con Lulic a chiudere le diagonali e sostenere la difesa.

Rastelli ha parlato chiaro, il Cagliari non è la vittima sacrificale dell’Olimpico:

“La battuta d’arresto di domenica scorsa non ci deve scoraggiare nè buttare giù, perché siamo a conoscenza delle nostre qualità e dei nostri difetti. Dobbiamo dimostrare di saperci rialzare: in questo periodo abbiamo imparato che le partite vanno giocate fino alla fine. La Lazio è una grande squadra, pericolosissima davanti e con centrocampisti molto offensivi e pronti a buttarsi dentro come la Fiorentina. Dobbiamo prestare attenzione massima. Conosco bene Simone Inzaghi, siamo stati compagni di squadra al Piacenza. Simone ha dimostrato di avere buone doti come allenatore, sotto più punti di vista”.

Ore 20.45 il via alle ostilità: Simone Inzaghi e la Lazio sono avvisati. Servirà una prestazione super al 100% per superare l’ostacolo Cagliari che si giocherà le sue carte. Sarà sicuramente una sfida molto molto interessante, con il pronostico dalla parte dei padroni di casa, ma attenzione a sottovalutare la voglia di rivalsa degli ospiti. In classifica la Lazio è a quota 15 punti, mentre il Cagliari si trova a tre lunghezze a quota 12. Tre punti per raggiungere i biancocelesti o tre punti per i padroni di casa per chiudere forse definitivamente il sogno di qualcosa di più di una semplice salvezza. La stagione del Cagliari passa anche per l’Olimpico.

  •   
  •  
  •  
  •