Pescara – Sampdoria, le dichiarazioni dei protagonisti nel postpartita

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

sampdoria.2016.17.gioia.750x450Festeggiano i giocatori della Sampdoria per il vantaggio nato dall’autorete dell’ex Hugo Campagnaro. Lo stesso difensore argentino si farà perdonare siglando il goal del pareggio. Risultato finale di 1-1.

Continua a non vincere la Sampdoria di Marco Giampaolo. Solo due punti nelle ultime sei partite e un calendario all’orizzonte davvero ostico. Protagonista assoluto il centrale argentino Hugo Campagnaro. L’ex doriano prima trafigge il proprio portiere con un colpo di testa da corner avversario, poi, riporta il risultato sul pareggio sempre con un colpo di testa. Espulso Coda per doppia ammonizione, li uomini di Massimo Oddo avrebbero la possibilità di trovare il vantaggio su calcio di rigore, ma Viviano strega Caprari mantenendo il risultato sull’1-1.

LE DICHIARAZIONI NEL POSTPARTITA
Massimo Oddo: “Sono dispiaciuto per un po’ di cose che sono successo, ma sono contentissimo perché la squadra ha dimostrato grande compattezza. Siamo una squadra che si fa gol da sola, sbaglia i rigori, in un certo senso siamo un’innovazione. Ogni domenica faccio delle scelte, hanno tutti caratteristiche diverse, ma ogni tanto c’è bisogno di sostanza. I giocatori che sono rimasti in campo erano più adatti e hanno fatto una grande gara nel secondo tempo. Più di così non potevamo fare“. Su Bahebeck: “Ha determinate caratteristiche, non è un giocatore di alta qualità tecnica, ma è esplosivo ed è un combattente. L’abbiamo preso per fare la differenza e perché ci crediamo. A mio modo di vedere ha fatto una grande gara nonostante la difficoltà della partita“.

Hugo Campagnaro: “L’occasione c’è stata, ma anche loro hanno avuto le loro possibilità. Ho fatto quell’autogol, per fortuna poi ho fatto gol. Ho esultato e non avrei dovuto come ex, ma bisogna capire il momento. Mi scuso comunque con la Samp per aver esultato. Quanto al Pescara, dobbiamo imparare a sfruttare di più le nostre occasioni e non mollare mai“.

Marco Giampaolo: “Forse è mancata un po’ di lucidità negli ultimi metri, dopo essere rimasto in dieci il Pescara ha fatto una partita difensiva. Abbiamo cercato di farli muovere, ma ci è mancato qualcosa in fase conclusiva. Bisogna ancora capire chi siamo e cosa possiamo fare, dobbiamo andare avanti verso una certa strada”. Sul derby: “Adesso ci giochiamo il derby contro il Genoa e la posta in palio è altissima, già da stasera inizieremo a pensarci”.

Emanuele Viviano: “Sono soddisfatto in parte perchè avrei voluto vincere. La Sampdoria se viene qua e trova una squadra in inferiorità numerica deve vincere, poi son contento di aver parato il rigore e aver fatto una buona prestazione, ma da quel punto di vista sono insoddisfatto. Se ho studiato Caprari? Quando si gioca con le grandi squadre non mi guardo i rigori perchè un po’ me li ricordo oppure perchè il rigorista di turno ne ha tirati una sessantina in carriera e dovrei vedere sessanta rigori, cosa che confonde solo le idee. Oggi li ho guardati perchè non conoscevo i rigoristi, anche se credevo lo tirasse Aquilani. Avevo visto Caprari che ne calciava uno così in Serie B ed è andata bene. Il punto per la classifica va bene e siamo contenti, ma dovevamo creare qualcosa di più e non sono soddisfatto perchè abbiamo fatto sicuramente meno di altre partite che ci sono andate peggio come risultato. Dobbiamo lavorare tanto”. Sul futuro: “Se son preoccupato? Giocando in Serie A non sono preoccupato perchè, escluse Juve e Roma, le partite son tutte da giocarsi e si possono perdere o vincere. Oggi non mi è piaciuta la gara, perchè abbiamo fatto poco per una squadra come la nostra e con un uomo in più. Oggi è venuta la prestazione e questo mi fa pensare, bisogna capire cosa abbiamo sbagliato.

L’AUTOGOAL DI CAMPAGNARO

IL GOAL DEL PAREGGIO DEL PESCARA

  •   
  •  
  •  
  •