Sampdoria – Inter, le DICHIARAZIONI nel postpartita. Giampaolo elogia il gruppo, De Boer prepara le valige

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Successo importantissimo per Marco Giampaolo, che sale a quattordici punti e aggancia proprio l’Inter

DICHIARAZIONI

Marco Giampaolo
: “Per quanto mi riguarda sono sempre in difficoltà ma ho rispetto di me stesso e del mio lavoro, vado avanti. La squadra mi ha dato sempre risposte positive e ha giocato come doveva fare, quello è un segnale che la società deve cogliere quando esonera un allenatore”. Su Muriel: “Un minuto fa gli ho detto che quando corre e gioca per la squadra è ancora più forte, quando è anarchico e pensa solo all’attacco lo è meno. Oggi ha fatto una gara completa e poi la spacca, è un giocatore nell’animo“. Troppi goal incassati fin’ora: Si lavora sui centimetri, sui tempi, per assimilare tutte le informazioni ci vuole tempo, fiducia, grande lavoro collettivo con i centrocampisti, altrimenti non puoi permetterti di giocare alto. C’è tanto lavoro e risultato, perché quando non lo fai i giocatori perdono fiducia”. Come è stata studiata la gara con i nerazzurri: “La squadra prima della gara ho detto che bisognava giocare con l’atteggiamento giusto, ovvero con compattezza, con il giocare da squadra e sempre attenti anche alle piccole cose, alle riprese del gioco. La squadra ha risposto da questo punto di vista. Ha fatto una grande gara sul punto del collettivo, e poi anche con i singoli.

Luis Muriel: “Diciamo che quando ci mettiamo da squadra riusciamo a fare tutto quello che vogliamo. Ogni domenica dobbiamo pensare che essendo una squadra possiamo vincere contro chiunque. Siamo sempre con l’allenatore e lo dimostriamo in ogni partita. Lui sa che dalla nostra parte c’è tutta la disponibilità e per questo riesce a preparare le partite al meglio. Ci sono dei palloni che ancora mi chiedo come ho fatto a calciare cosi male. Purtroppo succede, sto lavorando per dare il mio contributo alla squadra“.

Bruno Fernandes:  “Oggi è stata una giornata molto buona. Abbiamo messo in campo ciò in cui crediamo e abbiamo ottenuto una bella vittoria. Il mio impiego da titolare? Io mi alleno tutti i giorni per mettere in difficoltà il mister. Siamo in tanti giocatori buoni. Con Muriel e Quagliarella mi trovo molto bene, ma l’importante è che la squadra stia compatta. Siamo tutti con caratteristiche diverse, e ognuno mette tutto quello che ha per fare il meglio possibile”.

Davide Santono:  “La fortuna va meritata. Oggi nel primo tempo la nostra mentalità è stata sbagliata: abbiamo regalato troppo, sbagliando tanto e sprecando altrettanto. Senza il gol subito, il secondo tempo sarebbe stato completamente diverso. Siamo stati anche sfortunati, due traverse, ma bisogna giocare e reagire più da squadra. La sofferenza nei due contro uno? Sì, specialmente con Fernandes che veniva a fare il terzo attaccante e io non potevo uscire sul loro centrocampista. Nella ripresa invece l’abbiamo gestita meglio. Ora testa a giovedì che ci giochiamo un pezzo di qualificazione a Southampton“.

Frank de Boer: “Quando ci mettiamo da squadra riusciamo a fare tutto quello che vogliamo. Ogni domenica dobbiamo pensare che essendo una squadra possiamo vincere contro chiunque. Siamo sempre con l’allenatore e lo dimostriamo in ogni partita. Lui sa che dalla nostra parte c’è tutta la disponibilità e per questo riesce a preparare le partite al meglio. Ci sono dei palloni che ancora mi chiedo come ho fatto a calciare cosi male. Purtroppo succede, sto lavorando per dare il mio contributo alla squadra“.

 

  •   
  •  
  •  
  •