Serie A, Allegri: “Ad Empoli voglio i 3 punti!”

Pubblicato il autore: ilaria nespoli Segui
Allegri, conferenza stampa pre Empoli-Juve

Allegri, conferenza stampa pre Empoli-Juve

 

Nella conferenza stampa della vigilia di Empoli-Juventus mister Allegri lancia un segnale chiaro ai suoi. Parola d’ordine? Vietato sbagliare.

Massimiliano Allegri alla vigilia del lunch match di domani al Castellani non usa giri di parole nel dire che il suo obiettivo è uno soltanto: “Bisogna arrivare alla sosta nel migliore dei modi e cioè vincendo,  voglio i tre punti. Che poi, per prendere i tre punti, bisogna comunque arrivarci attraverso una prestazione di qualità sia in fase difensiva che in fase offensiva, questo credo che sia normale, ma sappiamo che a Empoli non sarà facile, non si può sbagliare l’approccio – ha proseguito Allegri in conferenza stampa -, non dobbiamo rovinare un mese di lavoro, i ragazzi sono molto responsabili e lo sanno e sanno anche che non possono rovinare la sosta al loro allenatore. Quella di domani è una partita molto complicata, giochiamo alle 12.30 un orario non abituale per noi e contro un Empoli che viene dalle sconfitte con Inter e Lazio ma che a Roma non meritava di perdere“.

Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 10.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN

Quindi Allegri paragona Empoli-Juve alla partita contro il Carpi della scorsa stagione,  che non esita a definire “una partita da defibrillatore” se ricordate gli ultimi minuti, quando Allegri si sfogò sulla malcapitata giacca gettata con veemenza a terra. “Dopo la sosta avremo due scontri diretti con Milan e Napoli e poi avremo partite decisive per la Champions. Ecco perché non possiamo sbagliare”.
Se guardiamo alle statistiche, i bianconeri hanno battuto l’Empoli nelle ultime quattro sfide di Serie A e in generale hanno vinto 10 degli ultimi 12 confronti. Allegri ha comunque ragione di temere l’Empoli in casa visto che le uniche due vittorie dei toscani contro la Vecchia Signora sono avvenute proprio al Castellani, anche se l’ultima risale al 3 aprile 1998, quando i bianconeri persero ad Empoli per 0-1.

A proposito di Champions, Allegri ha parlato della grande prova della Juve contro la Dinamo Zagrabia di martedì: “Ho visto una squadra in crescita a Zagabria in Champions League. La squadra ha avuto una velocità di gioco diversa e ha fatto molto meglio rispetto a Palermo“.
Sul tormentone Scudetto o Champions, Allegri non ha dubbi “I nostri obiettivi sono tutti principali, partecipiamo a tutte le competizioni per cercare di vincerle“. “Pensiamo a finire questo mese nel migliore dei modi e vincere a Empoli, poi dopo la sosta ci giocheremo al 90% il passaggio del turno in Champions e poi avremo due scontri diretti con Milan e Napoli e dovremo arrivarci nelle migliori condizioni“, ha aggiunto il tecnico bianconero.

Leggi anche:  Designazioni arbitrali Serie A - 10° Giornata

Quindi alle domande dei giornalisti su un possibile turnover contro l’Empoli, Allegri ha risposto laconico: “Stanno tutti bene, ma non ho ancora deciso la formazione“.
Su eventuali esperimenti tattici, Allegri conferma che contro la Dinamo ha voluto vedere come si muovevano i suoi con un sistema nuovo, anche se  “cambiare tutto e subito può essere un rischio“. Il tecnico juventino conferma di volersi affidare alle certezze, anche se aggiunge che quello attuale non è l’assetto definitivo del centrocampo: “Hernanes aveva fatto bene anche l’anno scorso, ma veniva massacrato.  Lemina ha giocato finora, però ha caratteristiche per fare la mezzala o giocare in un centrocampo a due, anche se davanti alla difesa, a seconda di chi affrontiamo, può giocarci. Poi abbiamo Khedira, Sturaro che sta rientrando e speriamo che a breve rientri Marchisio, per avere maggiori soluzioni“.

Leggi anche:  Milan, Pioli è negativo al Covid: può tornare in panchina

Lo stesso centrocampista bianconero ha rassicurando tutti i suoi tifosi sulla guarigione dal grave infortunio al ginocchio dello scorso aprile contro il Palermo:

Claudio Marchisio e signora

Sto molto bene, mi mancava il campo e rivivere lo spogliatoio con i miei compagni. Siamo in dirittura di arrivo“. Così Claudio Marchisio ieri in occasione della presentazione di ‘Bianconeri – Juventus Story’ ( qui per vedere il film dedicato alla storia degli ultimi trent’anni bianconeri) a Torino

In attacco? in sala stampa tiene banco la gestione Madzukic-Higuain che, però, non sembra per nulla Allegri: “Quando sei in una grande squadra devi avere, nei reparti di attacco, centrocampo e difesa, dei grandi giocatori. L’importante è che la competitività sia molto alta, perché alla fine ne trae beneficio la squadra. Ma questo fa parte delle regole di una grande squadra“. Insomma ad averne di problemi del genere…

 

  •   
  •  
  •  
  •