Verso Milan-Juventus, curiosita’ e statistiche

Pubblicato il autore: Salvatore Ciotta Segui

Sabato sera a San Siro si gioca Milan-Juventus, il Milan non vince dalla stagione 2012/13.

Ci siamo finalmente, Sabato sera come direbbe Guido Meda “tutti in piedi sul divano”, per chi e’ a casa e godiamoci questa sfida che da tanto, troppo tempo i rossoneri attendono di vincere, da quel novembre del 2012 dove Robinho su rigore regalo’ la vittoria alla squadra allenata da Allegri ex di turno.
Quest’anno a fari spenti il Milan dei giovani, e’ riuscito nell’impresa di raggiungere la Roma al secondo posto, anche se i punti di distacco dalla vecchia Signora sono 5, ma siamo ad Ottobre tutto puo’ succedere e la corazzata bianconera puo’ essere affondata come gia’ successo contro l’Inter.
In totale gli incontri giocati tra le due squadre sono 221, con 83 vittorie della Juventus, 66 del Milan e 72 pari, mentre le reti segnate sono 313 della Juve contro le 291 del Milan.
Il primo incontro si e’ giocato nell’ormai lontano 1900 in occasione del trofeo medaglia del Re, istituito di Umberto I di Savoia con match giocato il 27 maggio e risultato finale 2-0 in favore dei rossoneri.
Ma il primo match ufficiale giocato in Serie A risale al campionato 1929/30 con vittoria bianconera per 3-1, ricordiamo che fino a quel’epoca la massima divisione si chiamava Divisione nazionale , ed ancor prima Prima Divisione.
Il  primo incontro di Coppa Italia, invece, fu giocato nel 1941-42 con un pari ed una vittoria juventina per 4-1.
Nel dopoguerra le sfide tra le due squadre significavano lotta per lo scudetto, anche se il Torino era all’epoca la squadra piu’ forte, si ricorda un memorabile 7-1 dei rossoneri alla Juventus nella stagione 1949/50 con tripletta di Nordahl, e reti di Liedholm e Gren che formavano il trio d’attacco denominato Grenoli.
Fino alla stagione 1980 le due squadre si incontrarono regolarmente in campo, poi a causa del calcio scommesse e della retrocessione in B il Milan scese nell’inferno della serie cadetta, ma con l’avvento di Sacchi si riprese molte rivincite, con il trio olandese Gullit-Van Basten-Rijkard.
Ricordiamo l’incredibile finale di Champions League di Manchester dove i rossoneri prevalsero ai rigori, con l’ultimo tiro dal dischetto segnato da Schevchenko, ma la Juve nei supplementari aveva colpito una traversa con un colpo di testa di Conte, che probabilmente ancora adesso sta tremando.
Anni ’90 e duemila con scontri  epici, era di Berlusconi contro era Agnelli, olandesi contro italiani, giocatori che cambiano casacca, ma sempre uno scontro mai fuori dalle righe, che da Novembre potrebbe non vedere piu’ berlusconi presidente con l’inizio dell’era dei Cinesi.
La Juve viene da nove vittorie consecutive tra Campionato e coppa Italia con sedici reti segnate e 5 subite, l’ultima sfida si e’ giocata in Coppa Italia il 21 maggio scorso con vittoria dei bianconeri per 1-0 ai supplementari, a decidere la sfida e’ stato Morata che e’ stata anche la sua ultima rete in bianconero.
Montella cerchera’ di mettere i bastoni fra le ruote al carro armato bianconero, match che sara’ orfano di Montolivo, che comunque rappresenta una sorta di rivincita nei confronti di chi ultimamente ha sempre prevalso, un ultimo regalo che Berlusconi gradirebbe eccome.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

Milan-Juventus

  •   
  •  
  •  
  •