Arbitro Damato, campionato falsato?

Pubblicato il autore: Raffaele La Russa
IMG_0179

Lunedì sera allo stadio Luigi Meazza di Milano si è assistito all’ennesimo ultimo scempio arbitrale di questo campionato.
E come se non bastasse è giunto due giorni dopo la scellerata partita Torino –Chievo che ha visto un risultato finale diverso da quello che sarebbe stato con un arbitraggio “normale”.
L’avvocato barlettano Damato, già noto per le sue simpatie interiste e nonostante ciò spesso chiamato ad arbitrare l’Inter, ne ha combinate di tutti colori lasciando basiti sia gli increduli tifosi fiorentini che gli spettatori neutrali ai quali ha propinato uno spettacolo non certamente degno di un campionato prestigioso quale quello italiano.Il risultato finale è stato favorevole all’Inter il quale ha meritato ampiamente di portarsi sul 3-0 dopo neanche mezz’ora di gioco a causa della sciagurata tattica di gioco difensiva scelta dalla Fiorentina, che ha lasciato senza protezione alcuna le fasce laterali – soprattutto la destra occupata da Salcedo e Tello – in balia delle scorribande di Ansaldi e Perisic che hanno frutatto subito due gol e la leggerezza di Gonzalo Rodriguez e Astori che hanno lasciato indisturbato Icardi per la segnatura del terzo gol.Dalla mezz’ora in poi entra in scena “il dodicesimo uomo interista”, il quale prima non riesce a vedere insieme ai suoi collaboratori un rigore colossale per fallo di Miranda su Gonzalo Rodriguez e, poi, dopo il gol di Kalinic, riesce ad inventarsi un cartellino rosso sempre ai danni dell’argentino tanto da far impallidire pure l’arbitro Byron Moreno…
Lo show dell’arbitro continua con due cartellini gialli risparmiati a Brozovic e Ansaldi (il primo per una trattenuta della maglia avvenuta a tre cm da lui) e dispensando invece cartellini gialli ai viola e fischiando a senso unico (quello interista ovviamente) punizioni spesso inesistenti.

Leggi anche:  Zhang rischia il carcere, chieste anche le quote dell'Inter: una speranza per giugno

Da ultimo – manifestando grande uniformità di giudizio – grazia Miranda con il cartellino giallo una gomitata volontaria a Ilicic quando per una manata al petto di Icardi aveva espulso Rodriguez.
Poteva mancare la ciliegina sulla torta? No, perché con l’Inter in grande ed evidente difficoltà,seppur 11 contro 10, e a fronte del forcing della viola di completare la rimonta, il nostro eroe non vede una entrata da carro armato di un difensore interista ai danni di Chiesa che consente una ripartenza neroazzurra che frutta il 4-2: fine dei giochi!

Ci si chiede cosa ne pensa l’AIA di questo arbitro? E di quello di Torino-Chievo?  O ancor prima di Milan-Sassuolo?
Partite che dovevano avere un risultato e invece ne hanno avuto un altro.
E i poveri tifosi cosa pensano – anche quelli nerazzurri che pure hanno visto ieri sera vincere la loro squadra andati allo stadio pagando e sfidando il vento gelido di San Siro – per assistere a questo indegno spettacolo?

Leggi anche:  Juventus: ecco in che modo proverà a cancellare la penalizzazione, c'è una possibilità

Sinceramente, guardando la partita in Tv si aveva la voglia di cambiare canale e vedere un bel film: tanto finzione per finzione…
Ma noi siamo bravi a sorvolare su tutto: una serata storta dell’arbitro diranno quelli che parlano “il calcese” attenti a non suscitare ire ulteriori provenienti dal palazzo calcio.
Poi, però, ci lamentiamo nel vedere stadi vuoti, gente che disdice gli abbonamenti TV, che lamenta il caro biglietti, la tessera del tifoso, la zona off limits che ti fa fare due km e mezzo a piedi prima di sederti su un blocco di cemento a 100 metri dalla porta, che divide le curve in sottosettori, che alla fine si allontana inesorabilmente dal calcio, stanco di vedere il non gioco del calcio, ovvero quello che fa mantenere la panchina agli allenatori che, non perdendo la partita, conservano il loro posto di lavoro.
E allora un applauso a Swansea-Crystal Palace: un bel 5-4 con colpi di scena a ripetizione.
Alla faccia dei tifosi italiani che vedono Inter-Fiorentina!

Leggi anche:  Brutta tegola per Inzaghi, l'attaccante salterà il derby
  •   
  •  
  •  
  •