Berlusconi: “Potrei restare presidente onorario”. I cinesi: “Sì, ma senza deleghe”

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro

Berlusconi_3
E’ ancora viva l’immagine di Silvio Berlusconi commosso al Meazza domenica sera mentre la Curva Sud srotolava l’immenso lenzuolo con il quale i supporters rossoneri gli hanno tributato l’affetto e la riconoscenza per i trent’anni di presidenza e di trionfi.
Il ringraziamento del Presidente è arrivato attraverso il sito ufficiale della società con delle parole che ancora una volta dimostrano l’amore di Berlusconi per il suo Milan: “Arrivare a San Siro per una occasione importante come il derby di Milano, essere attorniato da tanti tifosi rossoneri che mi applaudivano e mi ringraziavano ma soprattutto, improvvisamente, vedere la splendida coreografia realizzata dai ragazzi della Curva Sud. Ancora grazie, grazie, grazie. I tifosi Milanisti degli altri settori dello Stadio hanno a lungo applaudito e fotografato questo bellissimo spettacolo. Le televisioni lo hanno mostrato all’Italia e al mondo. Ecco, l’Italia, l’Europa, il Mondo: nella vostra coreografia mozzafiato non avete dimenticato nessuna delle emozioni che abbiamo condiviso, dei sacrifici che abbiamo fatto e dei grandissimi trofei che abbiamo vinto ovunque e comunque. Una coreografia che avete pensato e mi avete dedicato, ma che giro a tutti voi, ragazzi della Curva e tifosi rossoneri. Io ho la soddisfazione di aver contribuito alle vostre emozioni, voi mi avete commosso fino alle lacrime. Insieme, con il Milan e per il Milan. Per sempre. Con tanto affetto, con i colori rossoneri nel cuore, il vostro Presidente”.

Berlusconi: “Potrei restare presidente onorario”

Dopo il derby, Silvio Berlusconi, visibilmente emozionato e contento per la prestazione della squadra al di là del pareggio finale, ha parlato del futuro del Milan e della possibile continuazione della sua presenza nella società. Queste le sue dichiarazioni apparse sul sito “Sportmediaset”: “Il closing è fissato per il 13 dicembre. Crediamo che non ci siano ostacoli a ottenere le autorizzazioni dallo Stato cinese. Abbiamo assicurazioni molto precise e valide anche dalle banche”.
Sul suo futuro nel Milan Berlusconi non ha mancato di far risaltare quanto gli sarebbe gradita la presidenza onoraria non di facciata: “Mi hanno offerto la presidenza onoraria, senza la nomina di un altro presidente. Penso che potrebbe provarsi una situazione del genere. I cinesi insistono con molta determinazione affinché io rimanga presidente del Milan. Ma restare presidente in una società di altri, era una cosa che non potevo tenere in considerazione. Devo avere possibilità di intervento, ad esempio dire sì o no su acquisti e cessioni e sullo schema da tenere in campo. Se questa cosa mi sarà attribuita, proverò di accettare la presidenza honoris causa. La permanenza di Galliani è un’altra delle condizioni che metterò per accettare”, queste le sue chiare parole.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio 2023, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!

I cinesi: “Berlusconi presidente onorario? Sì, ma senza deleghe”

Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi sembrano aver causato un certo imbarazzo ai vertici della Sino-Europe Sports, futura proprietaria del Milan. Gli accordi originari, infatti, come riferisce il Corsera, prevedono la figura di Silvio Berlusconi come presidente onorario, ma senza delega alcuna. E allora appare inevitabile che quello di domenica possa essere l’ultimo derby con il Presidente di trent’anni di tantissime gioie e di poche delusioni con un ruolo nella società che tanto ha amato e alla quale tanto ha dato.

  •   
  •  
  •  
  •