Da Bettega a Lapadula: antologia dei gol di tacco [VIDEO]

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

lapadula.milan.esulta.2016.2017.750x450 Foto da Calciomercato.com

Istinto, classe, colpo d’occhio, prontezza di riflessi: c’è un miscuglio di qualità in un gol di tacco.
Intanto c’è l’istinto del gol, la capacità di trovarsi al posto giusto al momento giusto tipico degli attaccanti da area di rigore, quelli che segnano anche i “gol di rapina” perché riescono a finalizzare con un guizzo delle occasioni che difficilmente potrebbero portare alla marcatura.
Poi c’è l’indubbia classe, intesa come tecnica sopraffina che consente con un tocco di indirizzare il pallone laddove il portiere non può arrivare, e deve essere un tocco vellutato, preciso e inaspettato per spiazzare il guardia pali avversario.
Per realizzare tutto ciò è necessario un colpo d’occhio e una prontezza di riflessi straordinari, perché la normalità è il colpo di collo o di piatto, non di tacco e la prodezza consiste nel sincronismo perfetto del tacco sulla traiettoria del pallone.
I gol di tacco non sono frequenti, ma sono sempre bellissimi a vedersi.

Il gol di tacco di Roberto Bettega nel 1971

Era il 31 ottobre 1971 ed a San Siro alla quarta giornata di campionato si affrontavano il Milan di Nereo Rocco e la Juventus di Čestmír Vycpálek. Il Milan era a punteggio pieno, mentre i bianconeri avevano perso a Verona alla seconda giornata e vinto in casa le altre due partite. Quel giorno vinse la Juventus 4 a 1 con due gol di Roberto Bettega, il secondo di tacco e gol di Franco Causio, e Pietro Anastasi. Per il Milan segnò Albertino Bigon.

Leggi anche:  Un Immobile infinito...

I gol di tacco di Alessandro Del Piero

La classe di Alessandro Del Piero non si discute. L’attaccante bianconero ha realizzato diversi gol di tacco. Uno dei più belli durante la finale di Champions League disputata e persa dai bianconeri per 3 a 1 contro i tedeschi del Borussia Dortmund. Era il 28 maggio del 1997 e a Monaco la Juventus di Marcello Lippi vide sfumare il sogno di conquistare per la terza volta la maggiore competizione europea. Resta il ricordo del bel gol di tacco realizzato al 65° minuto da Del Piero sul 2 a 0, gol che aveva riacceso le speranze dei tifosi bianconeri.

Altro gol di tacco fu realizzato da Del Piero nel derby contro il Torino del 17 novembre 2002 alla decima giornata del girone di andata, che vide i bianconeri strapazzare i granata col punteggio di 4 a 0. Gli altri gol degli uomini di Marcello Lippi furono realizzati da Di Vaio, Nedved e Davids.

Leggi anche:  Lilla Milan probabili formazioni: Rebic in attacco, spazio a Tonali in mezzo al campo

Il fantasista bianconero realizzò un altro gol spettacolare di tacco nella vittoriosa partita che la Juventus disputò contro il Siena il 27 febbraio 2005 a casa dei toscani. I bianconeri, allora sotto la guida di Fabio Capello, espugnarono l’Artemio Franchi per 0 a 3, con i gol di Del Piero, il primo di tacco e il secondo su rigore, e di Emerson.

Il gol di tacco di Babacar

E’ recente e molto bello il gol realizzato dal viola Babacar contro l’Udinese al Friuli il 21 settembre 2016 durante la quinta giornata del campionato in corso. Nella partita conclusasi con un pareggio per 2 a 2, il senegale ha segnato di tacco il primo gol della Fiorentina, pareggiando il momentaneo vantaggio siglato da Zapata per l’Udinese.

Il gol di tacco di Lapadula

Domenica pomeriggio Gianluca Lapadula ha regalato al Milan una vittoria preziosissima con un gol di tacco che ha piegato la strenue resistenza del Palermo. Tre minuti dopo il suo ingresso in campo al posto di Carlos Bacca, Lapadula è diventato protagonista con una rete che ha risolto una situazione molto ingarbugliata per i rossoneri.

Leggi anche:  Giudice Sportivo Serie A: un turno a Perin e Bakayoko

10 bellissimi gol di tacco internazionali

Per chiudere l’antologia affacciandosi anche al panorama internazionale, si propone una collection dei 10 più bei gol di tacco segnati da fuoriclasse e non del calcio mondiale. Si possono ammirare gol di Palladino, Ronaldo, Ibrahimović, Xavier, Burrows, Mancini, Popov, Mealla e Coridin.

  •   
  •  
  •  
  •