Fabio Quagliarella is back: “L’obiettivo è quello di non soffrire come lo scorso anno. A fine carriera? Potrei…”

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui
1921254-40420565-2560-1440

Fabio Quagliarella, la sua rete con l’Inter è valsa i tre punti per i blucerchiati. L’attaccante napoletano non andava a segno dal match contro la Roma di metà Settembre

Tornato il sereno in casa blucerchiata, si può guardare con un pò più di ottimismo al prossimo match con la Fiorentina. I tre punti arrivati con l’Inter portano la firma di Fabio Quagliarella, che si è lasciato così alle spalle un periodo molto difficile. Ieri sera, proprio l’attaccante blucerchiato è stato ospite durante la trasmissione Tiki Taka sulle reti Mediaset. In studio, l’autore del goal vittoria contro i nerazzurri si è soffermato su più argomenti, dando vita ad un dibattito di ampio respiro.

LA SAMPDORIA ED IL SUCCESSO CON L’INTER
Il lavoro richiesto dal tecnico Marco Giampaolo: “Il mister ci chiede questo, di correre tantissimo. Il gol? E’ il coronamento del lavoro settimanale, che ti dà la forza per continuare la successiva. Obiettivo? Non soffrire come l’anno scorso e se possibile giocare un bel calcio, come stiamo facendo“. Sul match con l’Inter: “E’ stato un bel risveglio, ero a casa con i miei genitori e mia mamma mi ha preparato una super colazioneCi aspettavamo una squadra un po’ in difficoltà, sono davvero forti nelle individualità ma da fuori sembra che ognuno non giochi al proprio massimo. Abbiamo preparato la partita con ripartenze veloci, sapevamo di poterli mettere in difficoltà in contropiede e così è stato. L’assist di Linetty? Secondo me lui voleva rientrare per calciare, giustamente. A fine partita abbiamo riso e l’ho comunque ringraziato per l’assist. Giocare contro l’allenatore? A me non è mai capitato, faccio fatica a ipotizzare una cosa del genere“. Una veloce battuta su Mauro Icardi: Per lui la partita a Genova è sempre particolare, per fortuna ieri non ha segnato“. A prescindere da tutto, se Quagliarella dovesse tornare quello della prima esperienza in blucerchiato, la Sampdoria potrebbe togliersi qualche soddisfazione nel corso del Campionato.

CONTE, MAZZARRI ED UN POSSIBILE FUTURO DA ALLENATORE
L’esperienza in bianconero con Antonio Conte: “Gli allenamenti con Conte sono massacranti, l’intensità è altissima e poi si vedeva in partita. Una strigliata? Dopo una sconfitta contro il Milan, gli avevo chiesto di mischiare un po’ i numeri, perché usciva sempre il 27“.  Tornando ancora più indietro, fino ai tempi di Napoli con Walter Mazzarri: “Ho avuto la fortuna di avere allenatori molto bravi, forse a fine carriera proverò a farlo anche io…“.

IL NAPOLI ED IL GESTO DI INSIGNE
Sulla squadra partenopea:Quando ho firmato per il Napoli mi ricordo la frase del mio procuratore che mi disse che avrei finito la carriera lì e io pensai che non ci sarebbe stato sogno più bello. Poi è andata in maniera diversa e sono state dette cose molto sbagliate che mi hanno fatto male”.
Maradona? Per noi napoletano è un Dio, è il calcio”. Sul gesto di stizza di Lorenzo Insigne al momento del cambio contro la Juventus: “Capisco Lorenzo, l’unico napoletano a giocare contro la Juventus, ci teneva tantissimo. In quei momenti non pensi alle telecamere, ti si annebbia tutto“.

IL GOAL-VITTORIA DI FABIO QUAGLIARELLA CONTRO L’INTER

  •   
  •  
  •  
  •