Juventus, Khedira: “La partita con il Genoa è stata una lezione, dobbiamo migliorare”

Pubblicato il autore: antonio lucia

Juventus, parla Khedira: “Dobbiamo giocare meglio, il recupero di Dybala è fondamentale”

Khedira
IL MOMENTO CRITICO DELLA JUVENTUS

Ogni tanto serve una salutare secchiata d’acqua gelida per svegliarsi e per prendere consapevolezza del fatto che le partite non si vincono automaticamente, semplicemente perché ti chiami Juventus, ma i tre punti vanno sudati e conquistati sul campo. La storia insegna che nessuna squadra è brava tanto quanto la Juventus a reagire dopo un passo falso, tanto più che il team di Max Allegri è primo in campionato, con un discreto +4 sulle seconde Milan e Roma, e che ha già conquistato il passaggio del turno agli ottavi di Champions League, con grandissime possibilità di piazzarsi al primo posto, colpevolmente mancato l’anno scorso.
Ammissibile avere un calo fisico e mentale dopo aver vinto una partita difficilissima e importante a Siviglia, però non è da Juventus giocare come nella prima mezz’ora di Genova: squadra decisamente impresentabile e annientata dalla straripante intensità del giovane gruppo di Juric.
Ad acuire il momento critico arrivano le cattive notizie dall’infermeria: difesa ora in forte difficoltà, a causa dei lunghi infortuni di BonucciDani Alves.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Inter-Milan: ecco il derby di Milano

JUVENTUS, LE PAROLE DI SAMI KHEDIRA

A parlare pubblicamente è stato Sami Khedira, che ai microfoni di Sky Sport ha detto la sua sulla netta sconfitta patita a “Marassi”: “La partita di domenica sarà una lezione per noi, a volte certe batoste sono utili per tenere a mente che non bisogna mai abbassare la concentrazione. Avevamo perso anche contro il Milan, ma in quel caso avevamo giocato meglio; con il Genoa è stato del tutto diverso. Sono cose che possono accadere, ma siamo la Juventus e dobbiamo rialzarci subito”.
In questa prima fase della stagione, la squadra bianconera è stato spesso criticata per il gioco espresso, apparso non brillante. Khedira non si nasconde, come fa spesso Allegri, e ammette che bisogna fare meglio: “Io sono il primo a dire che dobbiamo migliorare il nostro gioco: per la qualità della nostra squadra possiamo esprimerci sicuramente meglio”.

Un giocatore, la cui assenza certamente si sta facendo sentire, è Paulo Dybala. L’attaccante argentino, infortunatosi durante la sfida contro il Milan, è il regista offensivo della squadra campione d’Italia in carica, ed è imprescindibile per il gioco di Allegri. Fortunatamente il suo rientro è previsto per le prossime gare, forse anche per sabato, contro l’Atalanta. Khedira sottolinea l’importanza della Joya: “Dybala ci è mancato nelle ultime settimane, è un giocatore molto importante per noi: ci arricchisce con le sue caratteristiche tecniche, riesce sempre a regalare momenti speciali con il suo piede sinistro”.
Sabato sera, allo “Juventus Stadium”, arriverà l’Atalanta, la squadra più in forma del campionato, certamente un cliente scomodo da affrontare in questo momento. Khedira si complimenta con la squadra di Gasperini, ma non ha paura: “Possono sognare di essere il nuovo Leicester. Ma noi siamo la Juve, e anche noi abbiamo i nostri sogni. Abbiamo visto la partita dell’Atalanta contro la Roma: sono molto forti, ostici, e anche quando sembrava che dovessero prendere gol hanno dimostrato di essere una squadra che non si arrende mai. Hanno una grande mentalità, non sarà facile per noi: ma dobbiamo vincere”.

  •   
  •  
  •  
  •