Milan Abbiati: “La scorsa stagione chi non giocava creava problemi. La società ha fatto bene a mandarli via”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado
Milan Abbiati racconta la sua ultima stagione in rossonero..

Milan Abbiati racconta la sua ultima stagione in rossonero..

 

Che nelle ultime stagioni il clima all’interno dello spogliatoio del Milan non sia stato dei migliori lo si percepiva dai risultati ottenuti sul campo dalla squadra rossonera. A confermare ulteriormente le difficoltà “ambientali”  presenti al Milan è stato l’ex portiere e capitano rossonero Christian Abbiati. Milan Abbiati e le tensioni di spogliatoio – L’ex portiere rossonero ha rilasciato una intervista a 7 Gold nella quale ha parlato della sua ultima stagione al Milan e delle tensioni esistenti all’interno dello spogliatoio rossonero. Abbiati ha parlato di compagni poco consapevoli dell’importanza della maglia che indossavano e dei tanti problemi creati da quanti non venivano regolarmente impiegati da titolare.  Milan Abbiati, le dichiarazioni a 7 Gold  :

“Non è tanto il nome che porti dietro quanto lo stemma che porti sul petto. Se l’anno scorso è mancato il fatto che ci fosse chi non lo capiva? Più che non capirlo era poco professionista, per cui la società ha fatto molto bene a vendere certi personaggi che non facevano il bene del Milan0.Per quanto mi riguarda anche se non giocavo ero sempre a disposizione allenandomi al cento per cento perché poi capita di essere chiamato in causa. L’anno scorso chi non giocava non si allenava bene o litigava, e questo non va bene per un gruppo. C’erano elementi come ne ho visti pochi in tutti gli anni di Milan, a me tornava alla mente un altro tipo di Milan e mi passava la voglia anche di andare al campo a fare allenamento”.

Leggi anche:  Asta di Riparazione Fantacalcio 2023, i giocatori da acquistare: ecco i consigli, top e sorprese!
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: