Milan Inter, Materazzi si affida ad Icardi. E sui problemi dei nerazzurri invita qualcuno ad andarsene…

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado
Materazzi Inter, le parole dell'ex nerazzurro alla vigilia del derby

Materazzi Inter, le parole dell’ex nerazzurro alla vigilia del derby

L’attesa logora anche quanti di derby ne hanno giocati parecchi. Milan Inter cresce l’attesa anche tra i tanti ex delle due squadre che seguiranno con grande pathos il derby di Milano. Tra questi vi è anche l’ex difensore dell’Inter Marco Materazzi che al Corriere della Sera ha parlato proprio della gara di domenica sera e del momento societario dell’Inter. Materazzi Inter – Le parole di “Matrix” non sono mai banali e così anche le dichiarazioni rilasciate alla vigilia dell’atteso derby Milan Inter faranno parecchio discutere. L’ex difensore nerazzurro, oggi allenatore in India, non soltanto ha parlato del derby ma ha anche fatto il punto sulla delicata situazione vissuta all’Inter nelle settimane scorse, dopo l’esonero di De Boer, indicando chi secondo lui è il responsabile del difficile momento che sta attraversando la società.  Materazzi Inter ed il derby  – ” Il derby è una partita speciale  fa capire chi comanda in città e bisogna avere cuore caldo e testa fredda per giocarlo. Credo che ad essere favorito sia il Milan per il posto in classifica, ma l’Inter ha ottimi singoli. E mi auguro che giochino tutti con personalità e senza paura. Se l’Inter può ancora tornare in Champions? Pensiamo a vincere il derby, sennò a meno undici dal terzo posto sarebbe difficilissimo. A chi affido le mie speranze? A Icardi e mentirei se non dicessi lui“

Materazzi Inter, l’affondo sulla società nerazzurra

” Non voglio buttare la croce addosso a Mancini, De Boer o Pioli. La colpa è di chi sta lì da anni. A chi mi riferisco? Non è straniero, ma lasciamo perdere. Per me conta solo l’Inter e mi piange il cuore vederla là in classifica. Spero che la società cambi atteggiamento e si affidi a gente competente. Qualcuno dovrebbe ammettere di avere sbagliato e andarsene. Come si esce dalla crisi? Con programmi chiari e precisi. Spero che i vertici societari siano più vicino alla squadra”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Il Milan sprofonda: 5-2 contro il Sassuolo. Esonero per Pioli?