Napoli Reina è un caso aperto. Insigne-Gabbiadini altri tormenti per Sarri

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Napoli Reina oramai è un problema per gli azzurri, l’errore contro la Lazio è solo l’ultimo di una serie preoccupante. Sarri alle prese con la carestia di gol, Insigne e Gabbiadini ancora a secco e gennaio è ancora lontano.

Napoli Reina condanna gli azzurri contro la Lazio

Napoli Reina condanna gli azzurri contro la Lazio

Napoli Reina ormai è sul banco degli imputati, dopo l’incertezza sul gol di Keita i tifosi partenopei si chiedono se sia il caso di insistere sullo spagnolo o magari far assaggiare il campo al giovane Sepe. Reina in questa stagione sta alternando interventi prodigiosi a errori che non ci si aspetta da un portiere della sua esperienza. Alla base delle incertezze dell’ex Liverpool e e Bayern Monaco ci potrebbe essere dei problemi di natura fisica, i 34 anni cominciano a pesare e la reattività non sono quelle degli anni migliori. Gli errori di un portiere sono sempre evidenti, la reazione quasi isterica del gol subito contro la Lazio mostra quanto Reina tenga alla causa azzurra. Il portiere del Napoli ora andrà in nazionale per cercare di ritrovare una serenità dispersa in questi mesi, proprio lui che dovrebbe essere una delle colonne della squadra di Sarri. A proposito di isterie il tecnico degli azzurri da un po’ di tempo a questa parte sta dando vita a degli autentici show in panchina, soprattutto al San Paolo. Urla, pugni alla panchina e sempre in piedi a camminare nervosamente, non è certo il momento della storia di Sarri al Napoli, questo è evidente. La squadra azzurra ,gioca , crea, ma non riesce a portare a casa le partite, due vittorie, contro Crotone ed Empoli, nelle ultime sette partite disputate non sono una gran ruolino di marcia per il Napoli. L’errore di Reina Napoli potrebbe costar caro in quanto Roma e Juventus potrebbero allungare nuovamente in classifica, dopo la sosta sarà necessario un cambio di passo, fin dalla trasferta di Udine.

Leggi anche:  Romero sposa l'Atalanta: "Voglio rimanere a Bergamo: non vedo l'ora di essere riscattato. Su Gasperini..."

Napoli Reina ma non solo, Insigne-Gabbiadini le spine di Sarri

In casa Napoli Reina non è il solo caso da risolvere per Sarri, senza Arek Milik gli azzurri faticano a segnare, sono i numeri ad evidenziare questa difficoltà. Sono state 14 le reti segnate con Milik in campo nelle prime 7 giornate di campionato, 7 invece i gol messi a segno dai partenopei nelle ultime 5 partite di serie A. Una discrepanza troppo evidente per non capire che la mancanza di Milik è molto pesante per il Napoli, soprattutto visto lo scarso rendimento di Lorenzo Insigne e Manolo Gabbiadini. In queste ultime cinque giornate nessuno dei due è andato a segno, Insigne è ancora a secco è, mentre Manolo fa la spola tra campo e panchina senza riuscire a incidere più di tanto.
Come se non bastasse per Sarri arrivano di continuo le punzecchiature del presidente Aurelio De Laurentiis, ieri nel post Napoli-Lazio ha rivelato avrebbe voluto Pierre Aubameyang e anche un altro attaccante, ma alla fine non è arrivato nessuno dei due. Chiaro il riferimento a Mauro Icardi, unico degno sostituto di Higuain secondo Sarri, che però in questo momento di carestia si accontenterebbe anche di avere Milik, questo è poco ma sicuro.

  •   
  •  
  •  
  •