Juve, Barzagli: “Fu Allegri quando eravamo compagni ai tempi della Pistoiese, che disse a Pillon di spostarmi in difesa!”

Pubblicato il autore: Omar Bonelli Segui
Risultati immagini per barzagli
Andrea Barzagli si è confidato a Federico Buffa, in occasione del workshop organizzato da Randstad. Andrea Barzagli toscano di Fiesole racconta le tappe della sua carriera, da quando ragazzino giocava nella Pistoiese insieme ad Allegri, alla vittoria del Mondiale 2006, l’esperienza nel Wolfsburg e venendo all’attualità la grande avventura alla Juventus, con cui spera di vincere ancora tanto.
Barzagli nella stagione 2000-2001 arrivò alla Pistoiese in serie B all’età di 19 anni, in arancione il forte difensore juventino gioca solo 5 gare in 6 mesi, ma questa breve esperienza le permette di conoscere Max Allegri il suo allenatore attuale alla Juventus, i due all’epoca furono compagni di squadra.

Allegri era già un mister in campo

“Ancora oggi mister Allegri si prende il merito di avermi collocato in difesa”, Barzagli racconta l’aneddoto: “Allegri si prende il merito di avermi cambiato ruolo, infatti suggerì all’allenatore di quella Pistoiese Pillon, di arretrarmi in difesa come difensore centrale”. Sì perché nel settore giovanile Barzagli era un centrocampista e nella Rondinella, squadra con cui ha debuttato nei professionisti, ricopriva quel ruolo.

Leggi anche:  Euro2020, per ora comanda la Serie A: 19 gol su 55 arrivano da calciatori "italiani"

La svolta con Magath al Wolfsburg

Una tappa fondamentale nella carriera di Barzagli è stata l’esperienza in Germania, ecco le sue parole: “Il salto di qualità l’ho fatto al Wolfsburg, ero appena diventato padre, ma ero un giocatore medio. L’offerta dei tedeschi era fin troppo alta per il giocatore che ero, Lippi mi disse di non essere d’accordo con questa mia scelta ma andai lo stesso.
Felix Magath fu decisivo: mi allenavo al 70% – 80%, loro al 100%, non la prendevo mai. Da lì ho cambiato il modo di allenarmi, sempre al 100% anche qui alla Juve. La mentalità invece è cambiata dopo il primo scudetto in bianconero, ero in vacanza e pensavo solo al secondo scudetto di fila. Ero un giocatore medio con una mentalità media, ora gioco nella Juventus“.

  •   
  •  
  •  
  •