Lazio, con la Fiorentina verso il 3-4-3 studiando il Genoa

Pubblicato il autore: Marco Tarantino Segui

Simone Inzaghi studia il cambio di modulo in vista della gara interna con la Fiorentina: possibile che per affrontare la squadra di Paolo Sosa, la Lazio sia schierata dal tecnico, salito dalla Primavera alla prima squadra la scorsa stagione e ad un passo dalla firma alla Salernitana prima di essere richiamato poco prima di mettere nero su bianco con il club campano per prendere le redini della squadra biancoceleste, con una difesa a tre, che potrebbe avere ripercussioni anche sulla costruzione del centrocampo e dell’attacco. Vediamo le possibili varianti tattiche per la Lazio.
Situazione infortuni Lazio De Vrji ko, Djordjevic e Basta stanno meglio

Difesa a tre, come fatto dal Genoa, nel recupero delle gara di campionato sospesa per maltempo e rigiocata ieri sera alle ore 20.00 a Marassi, con la vittoria del Grifone per 1-0 che ha frenato il buon momento della squadra di Paolo Sosa. Difesa a tre che significa probabilmente rispolverare l’angolano Bastos, rimasto a guardare visto il buon momento di Wallace (derby a parte, anzi giocata nel derby di troppo a parte, quando ha provato ad uscire palla al piede da una situazione intricata), il ritorno di De Vrij contro la Sampdoria ed i buoni automatismi difensivi trovati da Simone Inzaghi.

Leggi anche:  L'Atalanta blinda il suo Pessina (e allontana le big) fino al 2025: progetto nerazzurro a lungo termine

Ha perso il ruolo di titolare per via dell’infortunio contro il Milan, è rientrato in gruppo ma Simone Inzaghi lo ha sempre relegato in panchina per ora: sembra però che visti i due impegni ravvicinati con Fiorentina ed Inter, il tecnico laziale voglia dargli una possibilità. Con lui nella difesa a tre, De Vrij e probabilmente Wallace a riposo per far giocare Radu sulla corsia mancina, per evitare di avere tre giocatori con poca esperienza e dell’età anagrafica ancora non all’altezza forse di un campionato tattico che va conosciuto bene cosa che ormai può dire di aver imparato il terzino/centrale rumeno. A centrocampo spazio allora per due varianti: il modulo a 5, oppure quello a 4. Con i cinque possibile che ci sia la sorpresa Felipe Anderson spostato in attacco nel duetto con Immobile con Keita pronto ad entrare a gara in corso come fatto con la Samp, con un impatto davvero importante. Altrimenti a 4 avremmo Lulic sulla corsia mancina, pronto ad abbassarsi, Basta su quella di destra e Biglia con Milinkovic Savic nel duo centrale vista l’assenza per squalifica di Marco Parolo.

Leggi anche:  Moggi: "La Juve non ha mai alterato i risultati, lo hanno fatto le altre squadre. L'Inter senza Conte..."

In attacco confermatissimo Ciro Immobile che cerca la prima rete in carriera contro la squadra Viola, mentre dubbi sull’utilizzo o meno di Danilo Cataldi, ormai scontato il turno di squalifica rimediato nel derby dalla panchina, e che sta vivendo un momento basso della sua esperienza a Roma, visto nel ruolo di vice Biglia, Simone Inzaghi gli ha preferito fino ad ora Murgia, e visto che in assenza di un centrocampista a turno, è toccato a Lulic, Milinkovic Savic con pochissimo spazio accanto agli intoccabili Biglia e Parolo.

 

Possibile che in attacco si vada a schierare un tridente con il solito Keita-Immobile-Anderson, visto che i tre sono pronti a giocare, tutti in salute con il senegalese che avrà a disposizione le ultime due gare prima di partire per la Coppa d’Africa.

  •   
  •  
  •  
  •