Milan – Atalanta: le parole di Montella e Galliani

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui
galliani.montella.milan.presentazione.stretta.mano.2016.750x450
Bellissima partita, ma il risultato ovviamente non è soddisfacente. Questo il succo delle parole di Vincenzo Montella e Adriano Galliani. Vediamole nel dettaglio partendo dal mister campano:

Sulla fortuna: “Nelle ultime due partite abbiamo ottenuto meno di quanto seminato. La squadra ha creato tanto ed è questa a cosa che mi soddisfa di più”.

A livello fisico: “Tatticamente il primo tempo potevamo fare meglio. E’ venuto fuori un secondo tempo migliore. Il calcio è questo, non c’è rammarico, abbiamo provato di tutto fino alla fine. Mi è piaciuta per la tenuta mentale”.

Sul possesso palla: “Conta di più la supremazia, quanto riesci a prevalere sull’avversario. Era ciò che volevo vedere contro l’Atalanta, hanno un ottimo impianto di gioco. Insieme alla gara di Roma abbiamo fatto la miglior partita”.

Sull’Atalanta: “E’ una squadra molto aggressiva non ti lascia spazio perchè ti marca a uomo. E’ un’ottima squadra, brava nelle transizioni, complimenti a loro per il campionato, è la sorpresa. I giovani sono tutti bravi. Mi tengo i miei giovani anche perchè costano tanto”.

Su Doha: “Prima di stasera era questa la gara più importante, ora siamo solo a più cinque sulla sesta, abbiamo pareggiato ma sono contento della prestazione. Abbiamo la gara contro un avversario invincibile. Ci teniamo a regalare un trofeo a Berlusconi”.

Leggi anche:  Sky contro l'accordo Tim-Dazn: ricorso all'Antitrust

Sull’arbitraggio: “C’è stato qualche deficit comunicativo, c’è stato calcio spezzettato nel primo tempo. Ora ho capito perchè l’Atalanta corre poco perchè spezza il gioco”.

Ancora sulla gara: “La squadra è cresciuta nella ripresa e a livello fisico e mentale stiamo crescendo, non ho rammarico il calcio è questo”.

Ecco invece le parole di Adriano Galliani:

Sul Milan intenso: “Premesso che l’Atalanta ha fatto un buonissimo primo tempo ed è una buonissima squadra, ho un po’ di rimpianto perchè credo che meritassimo più di 1 punto in queste due partite tra Roma e Atalanta. Qualche volta abbiamo avuto buona sorte, adesso abbiamo pareggiato i conti. Almeno 3 dovevano esserci”.

Sulle differenze con lo 0-0 dello scorso anno contro l’Atalanta: “Il Milan gioca bene, qualche volta si fa meglio a volte un po’ peggio. La squadra c’è, il calcio è questa roba qui. Non siamo affatto in crisi, nonostante guardando i risultati uno potrebbe pensarlo. Adesso concentriamoci su Doha”.

Leggi anche:  Il Milan risponde allo sgarbo Calhanoglu: pronto un ex neroazzurro!

Sull’anno solare: “Non è chiuso per nessuno l’anno solare, noi e la Juventus abbiamo la sfida di Supercoppa TIM e gli altri ancora una giornata di campionato. Quest’anno abbiamo quattro sfide con la Juventus, i 3 precedenti sono stati equilibratissimi e il computo totale è 2-1 per la Juventus. E’ una soddisfazione aver giocato due finali quest’anno. I nostri numeri sono 45 trofei tra primi e secondi posti”.

Sulla finale: “E’ stata fatta una scelta politica di conservare Locatelli, perchè se avesse preso un’ammonizione avrebbe saltato Doha. Abbiamo scelto noi società e il tecnico. E’ un trofeo importante e con la Juventus che in questo momento è di gran lunga la squadra più forte. Partiamo per il golfo pieni di speranze. Abbiamo tanta voglia di far gioire i nostri tifosi”.

Su Bacca: “Bacca è incedibile e sono d’accordo anche lui e il procuratore. E’ entrato bene oggi, lasciamo fare all’allenatore il suo lavoro e vediamo”.

Su Bertolacci: “Per me Bertolacci deve fare molto molto di più del benino che sta facendo ora, per come l’ho visto giocare in passato. E’ un giocatore molto molto importante e i tre anni di Genova l’avevano consacrato ad altissimo livello. Anche Pasalic è un giocatore che fa il suo e dà rendimento”.

Leggi anche:  Final Six, Roma-Atalanta: streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere campionato Primavera 1

Sull’emozione della partita: “Più di tutti il tiro di Kucka, pensavo entrasse. Ho pensato ‘adesso tira una sassata e fa gol'”.

Su Juventus-Roma: “Io tifo per la Juventus per 36 partite su 38 in questa stagione, perchè ogni volta che vince porta via punti a squadre abbordabili per noi”. Su Milan-Torino: “Nel giro di 4 giorni incontreremo il mio amico Sinisa Mihajlovic due volte in quattro giorni. Possibile Milan-Juventus in Coppa Italia? Pensiamo agli ottavi nostri prima”.

Sul rapporto con Percassi, presidente Atalanta: “Ha un grande rapporto con il presidente Berlusconi, è un imprenditore eclettico. Ha tanti marchi. Giovani in squadra? Tanti giovani e italiani come piacciono tanto al presidente e all’amministratore delegato del Milan.

Mercato a gennaio? Succederà poco e nulla. Gli obiettivi del Milan per l’estate dipenderanno da chi ci sarà. Se ci sarà una nuova proprietà deciderà con la propria testa”.

  •   
  •  
  •  
  •