Milan, Montella: ‘Rigori? Probabilmente Niang non sarà rigorista. Bacca e Bonaventura recuperati’

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui

montella
Vigilia di Milan – Atalanta e consueta conferenza stampa di Vincenzo Montella. Si parla del ritorno di Bertolacci, dei recuperi di Bacca e Bonaventura e del periodo negativo di Niang. Per i rossoneri sarà l’ultima sfida di serie A del 2016, poichè poi ci sarà la Supercoppa contro la Juventus. Ecco le parole del mister:
Sui tanti meriti dati al suo lavoro: “Sinceramente sono contento e orgoglioso. Però mi fermo lì. Non sono uno che si lusinga molto. Le aspettative aumentano, Le soddisfazioni degli allenatori sono sempre figlie di come riescono a seguirti e dalle qualità dei giocatori. Ho trovato terreno fertile perchè mi stanno dando una grossa mano ai calciatori e c’è una società strutturata. Ho trovato un ambiente ideale. Cerco sempre di migliorare”.

Se c’è benzina a sufficienza fino a fine stagione: “Noi mettiamo benzina tutti i giorni, perchè la macchina la usiamo tutti i giorni”.

Su come corre il Milan: “Siamo migliorati, siamo nella media. Possiamo migliorare meglio nella gestione e l’ottimizzazione delle energie”.

Su Bertolacci possibile regista: “Ha fatto una buona partita contro la Roma, è un ragazzo pienamente recuperato e lo vedo convinto. E’ un giocatore che ha caratteristiche che possono stare nel nostro centrocampo a prescindere dalla posizione”.

Su Kucka: “E’ tornato a livello fisico come qualche partita fa, ultimamente era un po’ in calo. Dobbiamo cercare di vincere con le nostre armi”.

Sulla rosa adatta al turnover: “Io faccio l’allenatore del Milan, ringrazio chi mi ha preso ogni giorno ma anche i miei calciatori per quello che mi stanno dando. Ciò che fa vincere nel calcio sono le risorse del settore giovanile. Però voglio ringraziare gli Abate, gli Antonelli, i Paletta, i Zapata che hanno qualche anno in più, ma che ci stanno dando grande soddisfazione”:

Leggi anche:  Milan, neanche il Covid ti ferma!

Sul rigorista: “Se c’è Bacca in campo sarà lui e il secondo non ve lo dico. Se non c’è Bacca in campo e c’è Niang probabilmente M’Baye non sarebbe il primo rigorista”.

Su cosa migliorare: “Nella gestione delle partite e nella continuità all’interno della stessa. I risultati li hanno aiutati, li vedo più convinti. Fiducioso per la seconda parte di stagione? Sempre fiducioso”.

Sulle differenze tra lo spogliatoio attuale e quello trovato a giugno: “Vedo maggiore convinzione anche nei singoli che possano esprimersi meglio rispetto a quanto fatto in precedenza”.

Se ha parlato con Niang del momento difficile: “Lui ha avuto un virus influenzale e da questo momento a livello tecnico e anche nella tenuta fisica degli allenamenti si vedeva che fosse un po’ in difficoltà. Da allora qualcosa un po’ ha perso in termini di energie. Sarò l’unico visionario ma vedo una ricerca di partecipazione, attenzione, migliorarsi da parte sua che rivedo anche in partita. Poi a livello tecnico sicuramente nella prima parte di stagione ha fatto molto meglio che nelle ultime. Ma sono sereno e convinto che questa fase lo possa far migliorare ulteriormente perchè vedo una sua partecipazione diversa”.

Su come si può evitare che tanti giocatori abbiano la testa già proiettata alla Juventus: “Basta parlare solo della partita con l’Atalanta. Domani è una partita che può farci finire in terza posizione in classifica il 17 dicembre. Traguardo a cui tiene moltissimo anche il dottor Galliani”.

Sull’Atalanta avversario ideale in vista della Supercoppa: “E’ un avversario ostico e non credo faccia lo sparring partner. Nessuno può pensare che possa esserlo”.

Sul Milan che sta crescendo al livello Champions: “Non è un’equazione così diretta nel calcio. In quella partita abbiamo dimostrato di poter giocare con la Roma alla pari, ma non sono posizioni definitive. Lazio e Napoli sono grandi squadre. Noi dobbiamo pensare al nostro livello di crescita”.

Leggi anche:  Dove vedere Udinese-Atalanta: streaming e diretta tv Serie A

Sulla partita con la Roma: “Mi ha detto che la squadra è consapevole e che la squadra sta crescendo come gruppo anche nella convinzione nonostante la partita di alta classifica. Non in  termini di maturità rispetto al livello richiesto per quella partita, perchè la Roma ha vinto la gara grazie alla maggiore maturità. Se avessimo avuto la stessa consapevolezza contro l’Inter l’avremmo vinta”.

Sacrificheresti Bacca per avere Badelj e Papu Gomez: “Capisco la domanda ma non mi posso prestare a questo tipo di gioco. Io devo fare valutazioni di squadra e del singolo e quello che devo fare lo dico alla società. Tutte le altre competenze sul piano finanziario non mi competono”.

Se la partita di domani può dare indicazioni in vista della Supercoppa: “No, noi facciamo test tutti i giorni, assolutamente no sotto questo punto di vista. Ognuno dovrà dare delle risposte, ma questo succede in ogni partita”.

Su Pavoletti al Napoli: “Ha dimostrato di essere un ottimo attaccante. Se va al Napoli le aspettative aumentano ma ha dimostrato di essere un calciatore molto forte”.

Su Bacca e la fame che ha: “Sta bene, sono due giorni che lo vedo presente dentro l’allenamento. Quando rimani fermo per un po’ è normale che ci sia più voglia anche durante l’allenamento”.

Su chi invidia all’Atalanta: “Ce ne sono davvero tanti che mi colpiscono, anche Kessie, Papu Gomez, Petagna che viene dal nostro settore giovanile e sta maturando”.

Sul mercato: “Io penso a quello che ho e penso di essere più invidiato rispetto a chi c’è davanti a me. Vedo poche squadre sopra di me e tante dietro di me. Penso a quello che ho, dipende cosa vorrà fare la società”.

Leggi anche:  Udinese-Atalanta probabili formazioni: Muriel al fianco di Zapata in attacco?

Sull’assorbimento della sconfitta con la Roma: “Gradualmente l’abbiamo superato totalmente”.

Sui recuperi e sulle diffide: “I calciatori diffidati per me non comportano alcun tipo di preoccupazione, altrimenti il giocatore sarebbe squalificato due volte. Le mie valutazioni devono essere altre e valutare il meglio sulla successiva partita. Bacca e Bonaventura sono recuperati, si stanno allenando in gruppo da due giorni, sono pienamente recuperati. Devo valutare per quanto minutaggio”.

Sull’importanza della corsa: “Di solito le squadre che retrocedono sono quelle che corrono di più. Noi dobbiamo far correre la palla e correre in modo intelligente. Contro di loro devi essere bravo con la palla, anche nell’uno contro uno”.

Sulla forma dell’Atalanta: “Veniamo entrambi da due sconfitte non meritate. L’Atalanta non meritava assolutamente di perdere, l’ho vista contro l’Udinese. Affrontiamo un avversario in salute. L’Atalanta è una di quelle squadre che corrono di meno statisticamente anche se non sembra perchè sono molto organizzati”.

Sulla partita simile a quella con il Genoa: “Il calcio è fatto di episodi, anche in 10 contro il Genoa dominammo l’avversario e poi venne fuori questo 3-0 che non rese merito alla nostra partita. Sarà una partita ancora più difficile a livello tattico perchè le squadre di Gasperini secondo me offrono qualcosa di più in fase di possesso”.

Su Milan e Atalanta sorprese del campionato: “E’ una partita di alta classifica per l’Europa. L’Atalanta ha avuto un cammino da Champions League, complimenti a loro. E’ una bella sfida che arriva al momento giusto per entrambe e darà risposte a entrambe”.

  •   
  •  
  •  
  •