Samp: con Orsato niente rigori. Quella volta Krsticic…

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

Orsato

I tifosi della Sampdoria non  sanno se ridere o piangere…Forse il sentimento più consono è lo stupore, ogni volta che sentono che a dirigere la loro squadra arriverà Daniele Orsato. E il motivo c’è tutto…Daniele Orsato, vicentino di Schio, non concede un calcio di rigore in favore della Sampdoria da nove anni. Anzi a dire il vero , quello che concesse il 28 febbraio del 2007 è anche rimasto l’unico di una serie inesistente. Era la gara d’esordio con i blucerchiati per Orsato:  Sampdora-Atalanta che terminò 2-1 proprio grazie al calcio dagli undici metri realizzato da Sergio Volpi, a pochi minuti dalla fine. Dopo quello mai più un rigore.
A volerla dire tutta, il bilancio di Orsato, dal punto di vista numerico, non è così negativo per la Sampdoria:  in 14 incontri i blucerchiati hanno vinto 4 volte, pareggiato 6 e hanno perso le altre quattro partite. Sono, invece, alcuni episodi, a guastare il rapporto tra la Samp e l’arbitro veneto.
orsatoUno risale alla stagione 2009/2010 quando la Sampdoria del quarto  postosi trovò a giocare a Roma contro la Lazio. Sul pareggio di 1-1, Pazzini si beccò un pugno  in faccia dal portiere laziale Muslera. L’attaccante doriano finì con il naso devastato, tanto che affrontò le gare successive “mascherato” da un aprotezione. Ma, particolare ancora più grave, quello dell’estremo biancoceleste era un intervento passibile di calcio rigore, quindi non concesso.  Come se non potesse bastare, anche avanzare, ci fu il caso di un clamoroso tiro dagli undici metri negato sotto gli occhi di tutte le moviole. Andò in questo modo: Ziegler entrò in area defilato e Diakitè, possente ma grezzo difensore laziale poi anche blucerchiato, gli zompò sulla gamba d’appoggio disinteressandosi completamente del pallone. Un rigore sacrosanto ma negato.
Ma c’è di più per spiegare un rapporto molto teso tra i tifosi della Sampdoria e Orsato.  A far imbufalire i tifosi doriani anche il brutto episodio del fallo di Matulazem ai danni di Nenad Kristicic nel derby del 14 marzo 2013. Nell’occasione il rossoblù azzoppò il centrocampista doriano in modo molto grave e plateale ma non venne sanzionato dal necessario rosso da Orsato. Matuzalem, nei minuti successivi, siglò il pareggio del Grifone con un tiso sbagliato che si insaccò alle spalle di uno stranito Romero. Sarebbe bastato quello per creare un precedente clamoroso, ma c’è di più…
Ironia della sorte volle che, il 24 novembre 2013 nel corso di Sampdoria-Lazio (1-1) , Orsato sanzionasse con un rosso diretto proprio il centrocampista  serbo. Kristicic si rese reo di un fallo sicuramente molto meno grave di quello che Orsato aveva mandato impunito a suo danno nel derby. Ciò non tolse che Orsato gli sventolasse il cartellino rosso sotto il naso con grave amarezza da parte del centrocampista doriano che, anche in conseguenza di quel grave infortunio, avrebbe visto pregiudicato il prosieguo di una carriera che poteva essere certamente più felice. E anche sulle espulsioni la statistica non dice bene per la Samp , visto che i cartellini contro sono 5 contro i 3 a favore. Dell’unico rigore si è detto ma il particolare è che quelli contro sono 3.
L’ultima gara della Sampdoria diretta da Orsato risale al 28 febbraio 2016: vittoria casalinga della Sampdoria contro il Frosinone (2-0). Insomma, qualcuno potrebbe dire che, nonostante Orsato, la Samp vince anche.

Leggi anche:  Romero sposa l'Atalanta: "Voglio rimanere a Bergamo: non vedo l'ora di essere riscattato. Su Gasperini..."

  •   
  •  
  •  
  •